Opel Ampera: la prima auto elettrica della Opel costerà 42900 euro. Si potrà prenotare con un clic

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Opel Ampera si prepara a sbarcare sul mercato italiano. Il prezzo della prima auto elettrica “range exteded” (ovvero ad autonomia maggiore rispetto alle altre “zero emissioni”) a marchio Opel, e “cugina” della Chevrolet Volt, è fissato in 42900 euro. Ma per vederla sulle nostre strade si dovrà attendere ancora qualche mese. Meglio: quasi un anno. L’inizio delle vendite, infatti, è previsto per l’autunno 2011.

Per prenotare la Opel Ampera, il primo passo da compiere è un clic col mouse. Ci si registra sul minisito creato ad hoc dalla Casa di Russelsheim, e ci si attiva per la prenotazione. A 42900 euro, appunto: questo è il prezzo suggerito dalla Opel per la sua prima berlina elettrica la cui preserie viene prodotta negli stabilimenti General Motors di Warren, nel Michigan.

In effetti, la cifra richiesta dalla Opel è ancora unificata per tutti i mercati europei. Compresa l’Italia, dunque. Di listino, il prezzo della Ampera si aggira sui 36mila euro. Ci si aspetta, tuttavia, qualche lieve variazione, da Paese a Paese, a seconda degli allestimenti.

Nel prezzo di vendita sarà compreso sia l’acquisto della vettura che quello delle batterie al litio: una scelta strategica diversa da quella di altre Case (come la Renault, ad esempio), che per la “rivoluzione elettrica” hanno deciso di vendere la vettura e di offrire le batterie a un canone mensile per mantenere il medesimo prezzo delle corrispettive auto a benzina: una sorta di leasing che, comunque, può darsi sarà seguito dalla Opel anche per la Ampera.

La prima Opel elettrica sfrutta l’abbinamento fra la trazione elettrica e il motore a scoppio in maniera innovativa: quest’ultimo, infatti, svolge essenzialmente il ruolo di generatore durante la marcia per il motore elettrico da 150 CV e 370 Nm di coppia, che è la fonte principale di trazione. Con la sola energia elettrica, la Ampera percorre da 50 a 80 km, grazie alle batterie al litio da 16 kWh; durante la marcia, un motore a benzina sfrutta parte della propria energia per l’accumulo delle batterie. In questa modalità, la vettura può percorrere oltre 500 km.

Piergiorgio Pescarolo

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook