Incentivi auto 2013: esauriti in poche ore quelli per metano e GPL

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin


Incentivi auto 2013, com’era preveddibile, sono esauriti in poche ore quelli destinati ad auto a metano e a GPL. Rimangono 600mila euro per i veicoli elettrici senza l’obbligo di rottamazione.

La storia infinita dei bonus per l’acquisto delle auto a basse emissioni sembra si stia per concludere in un batter d’occhio. Ieri 14 marzo erano partite le prenotazioni, ma non si immaginava che gli incentivi potessero finire praticamente nel giro di ore.

Che la loro vita non sarebbe stata lunga era certo, considerata l’esiguità dei fondi messi a disposizione dallo Stato: 120 milioni di euro nel triennio 2013-2015, con i primi 3 milioni di euro – stanziati per chi acquista senza rottamazione un’auto ecologica con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km – volatilizzati.

Ad accaparrarsi i bonus sono stati soprattutto i rivenditori che dalle 9 di ieri, dopo essersi registrati sul sito dedicato del Ministero dello Sviluppo Economico, hanno fatto incetta esaurendo di fatto la fetta pari a 3 milioni di euro messa a disposizione per l’acquisto di veicoli con emissioni comprese fra 51 e 95 gkm di CO2. Ciò significa che un privato che decide di acquistare un’auto a metano e ibrida o a GPL che rientra in questa categoria dovrà farlo ma senza incentivo. L’aggiornamento dello stato dei bonus, disponibile sul sito del Ministero, indica però che per i veicoli uso terzi e per esercizio di imprese con rottamazione gli incentivi sono ancora disponibili.

Dei 39,4 milioni di euro stanziati per l’anno in corso, ci sono ancora altri 4,4 milioni destinati alle auto con emissioni fino a 50 g/km di CO2, ossia le auto elettriche e le ibride plug-in. Rimangono poi poco meno di 3 milioni di euro e circa 24 milioni per i veicoli con emissioni rispettivamente tra 50 e 95 g/km e tra 95 e 120 g/km, ossia le GPL o metano e Bifuel.

Naturale chiedersi come mai queste ultime categorie di incentivi siano ancora disponibili. Probabilmente, visto che la rottamazione richiede almeno 10 anni di distanza dall’immatricolazione, è possibile che tale limite ne abbia rallentato l’assalto.

In alternativa, chi non è arrivato in tempo potrà vagliare l’opzione messa a disposizione da Fiat, che prevedendo la corsa all’incentivo statale, garantirà per tutto il mese di marzo un bonus pari a quello statale su tutti i veicoli bi-fuel di Fiat, Lancia e Alfa Romeo, oltre ai veicoli commerciali di Fiat Professional.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Incentivi auto 2013: come ottenerli in 8 mosse

Incentivi auto 2013: da oggi al via. 10 cose da sapere

Incentivi auto 2013: al via il 14 marzo. Ecco il decreto attuativo

Incentivi auto ecologiche 2013: al via il sito per le prenotazioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook