iCar: la prima auto elettrica con guida automatica di Apple

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche Apple finalmente ha capito che il futuro delle auto è anche elettrico. La novità si chiama Titan e potrebbe essere la prima auto elettrica con guida automatica di Apple. Anche se non ci sono conferme uffficiali, la iCar potrebbe vedere i natali entro il 2020.

Serviranno quindi alcuni anni prima di poter ammirare l’auto elettrica di Apple, ma se le ipotesi verranno confermate, la vettura sarà potrebbe rivoluzionare il modo di utilizzare l’auto, evitando di produrre emissione inquinanti.

Il team del settore auto è già in piedi e conta già circa 200 persone. Le assunzioni si sono succedute negli ultimi due mesi, tra esperti in tecnologie per le batterie e di robotica. Lo scopo, infatti, è quello di creare una vettura elettrica con guida autonoma, con una tecnologia probabilmente simile a quella impiegata da Google per la self-driving car.

La maggior parte dei nuovi dipendenti Apple vengono da Ford, Tesla e da aziende specializzate in tecnologia delle batterie come A123 Systems, che questo mese ha citato in giudizio Apple proprio per il ‘bracconaggio’ dei suoi migliori ingegneri. Altri esperti sono stati sottratti anche a LG Chem, Samsung, Panasonic, Toshiba e Johnson Controls.

Apple rifiuta di commentare. Ma un rapporto del Wall Street Journal parla di un minivan elettrico modificato con telecamere e sensori, tecnologie di mappatura simili a quelle di Google Street View, così come delle automobili con guida automatica, avvistato in giro per New York e nella zona della baia di San Francisco.

Non è difficile immaginare che tutto ciò sia reale. Apple è da sempre in prima linea nella produzione e commercializzazione di prodotti innovativi, basti pensare a iPod, iPhone e iPad. E ora arriva anche lo SmartWatch, che sarà lanciato nel mese di aprile. Apple risolverà i punti critici delle auto elettriche, tra cui portata e tempi di ricarica? E riuscirà a produrre eticamente senza sfruttare i lavoratori, come accade invece per gli smartphone?

Roberta Ragni

Photo Credit

Leggi anche:

Apple: nuove accuse di sfruttamento del lavoro minorile nelle fabbriche cinesi dell’iPhone 5 low-cost

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook