Google Car: in arrivo la mini-car elettrica che si guida da sola

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non ha volante né freni. Roba da matti l’auto elettrica marchiata Google. Proprio così, il gigante di Mountain View ha deciso di mettere in campo tutto il suo potenziale tecnologico per produrre una macchina di ridotte dimensioni in grado di guidarsi da sola.

La mini car dalle strambe sembianze (a ben guardare, il prototipo sembra una di quelle automobiline elettriche per bambini) è in realtà un concentrato di mobilità intelligente.

Si potrà guidare senza comandi a una velocità massima di 40 chilometri orari grazie a un apposito software e sarà dotata di sensori che eliminano punti ciechi e possono individuare oggetti a una distanza di più di due campi da football in qualsiasi direzione.

L’obiettivo del colosso californiano, che già aveva lavorato per dotare le vetture automobilistiche giapponesi Toyota e Honda, è quello di migliorare la sicurezza stradale e trasformare il concetto di mobilità di milioni di persone.

google car1

Sul suo blog, Google ha così annunciato l’arrivo di nuovi prototipi senza i pedali dell’acceleratore e del freno e alimentati totalmente da un motore elettrico. Tutto, compreso lo specchietto retrovisore, funzionerà automaticamente (incluso lo specchietto retrovisore), grazie a un computer di bordo e a dei sensori, che saranno in grado di riconoscere oggetti, persone, automobili, lavori in corso, segnaletica stradale, semafori, obbedendo alle regole della strada e consentendo di evitare molteplici pericoli, compreso il passaggio di ciclisti. La sicurezza è garantita da un schiuma comprimibile che si trova sulla parte anteriore e dal parabrezza flessibile, studiato per proteggere i passeggeri meglio delle auto tradizionali, dicono sul blog.

google car2

Anche l’abitacolo è ridotto all’osso: resteranno solo le cinture di sicurezza, uno spazio per gli effetti personali, il pulsante di avvio e quello di arresto e uno schermo che mostra il percorso. Quello che dovranno fare i passeggeri (massimo due a bordo) è premere un tasto.

La prima fase di questa nuova sperimentazione sarà condotta da conducenti in carne e ossa, poi Google conta di lanciare, nei prossimi due anni, un’altra serie di prove su strada in California e di iniziare a cercare partner per il successivo lancio sul mercato. La produzione di 100 prototipi, intanto, sarà effettuata da una ditta nella zona di Detroit, ma su questo Google non ha rilasciato precise dichiarazioni.

Dal punto di vista della eco-sostenibilità, la Google car è un’auto elettrica a tutti gli effetti, per cui le conseguenze positivie sull’ambiente ben si conoscono. In più, queste auto robotiche potranno garantire uno spostamento più rapido e un parcheggio più agevolato e possono viaggiare incolonnate e molto vicine le une alle altre, con un’autorevole riduzione del traffico e, conseguentemente, meno consumo di territorio.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Lexis IS: l’auto ibrida che trova parcheggio da sola grazie a Google

Elettrici, solari e…senza conducente: i veicoli del futuro secondo VisLab …

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook