Colpo Dacia, ecco Spring, il primo SUV elettrico low cost

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno dei freni alla diffusione dell’auto elettrica, probabilmente il più importante, è dato dai prezzi di acquisto che nonostante i generosi incentivi sono ancora sensibilmente superiori alle vetture tradizionali come tutte le nuove tecnologie lanciate da poco.

A piazzare il primo “colpo” al mercato delle auto elettriche in termini di prezzo non poteva che essere il marchio Dacia, di cui è ormai nota la reputazione di marchio “low cost” ma non per questo privo di qualità ed iniziativa.

Ne è prova la Dacia Spring, SUV compatto della casa automobilistica controllata da Renault che sarà lanciato nel 2021 e di cui tutte le caratteristiche ed i prezzi si conosceranno, domani, il 15 di ottobre.

Intanto è stato reso noto che la Spring è lunga 375 cm, larga 158 e alta 148 cm, con un passo di 242 cm ed un bagagliaio della capienza intorno ai 300 litri. Sarà omologata per quattro posti.

Dimensioni compatte adatte per la città e qualche puntata fuori porta, dunque, con un’autonomia di circa 200 km fornita da una batteria agli ioni di litio da 26,8 kWh.

La Spring è la versione “europea” della Renault K/ZE, un modello praticamente gemello già prodotto e commercializzato in Cina. In Italia dovrebbe essere proposta ad un prezzo inferiore ai 20.000 euro che, sottratti i bonus statali, ne farebbero una delle elettriche più accessibili dell’intero panorama.

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook