L’auto con gli interni di bambù: al via i test di Ford

È uno dei materiali naturali più vigorosi e forti del mondo e presto potrebbe finire nelle auto. Stiamo parlando del bambù. Ford ne sta sperimentando l’utilizzo per la produzione di componenti ecosostenibili per le sue vetture.

Negli ultimi anni, Ford insieme ai suoi fornitori ha studiato le potenzialità del bambù in funzione della componentistica interna delle sue auto, svolgendo alcune prove di resistenza, come la trazione e l’urto. È stato inoltre riscaldato a oltre 100° per testarne la capacità di resistenza al calore.

Secondo la casa automobilistica, nel giro di qualche anno gli interni delle macchine potrebbero essere realizzati sfruttando la combinazione tra plastica e bambù. A differenza dei nuovi materiali come la fibra di carbonio e l’alluminio leggero, per i quali le case automobilistiche devono spendere fior fior di quattrini in ricerca e sviluppo, il bambù si trova facilmente in natura con queste importanti caratteristiche, senza contare che cresce molto velocemente, anche oltre un metro al giorno.

Le potenzialità del bambù sono note da secoli. Basti pensare che anche Thomas Edison lo utilizzò per gli esperimenti che lo portarono poi allo sviluppo della prima lampadina. Anche nel settore delle costruzioni, il bambù è noto per la resistenza alla trazione e il carico di rottura da sollecitazione molto elevato.

bamboo 2

Queste sue caratteristiche lo hanno reso adatto a molteplici usi, riuscendo anche a competere con alcuni metalli. Inoltre, rispetto ad altre piante che impiegano circa 10 anni per raggiungere il pieno della crescita, al bambù bastano tra i 2 e i 5 anni, grazie ad una rigenerazione dello stelo molto veloce.

“Il bambù è incredibile. È vigoroso, flessibile, totalmente rinnovabile e abbonda in territori come la Cina e in molte altre parti dell’Asia”, dice Janet Yin, Materials Engineering Supervisor del Nanjing Research & Engineering Centre di Ford.

LEGGI anche:

Non solo bambù. Ford sta testando anche un materiale bio-plastico ricavato dagli elementi di scarto delle piante di agave, per utilizzarlo sia per gli interni che per gli esterni delle auto.

Francesca Mancuso

Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Sorgente Natura

I prodotti che non dovrebbero mai mancare in una lista nascita green

Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook