Auto a metano: l’elenco completo per approfittare degli incentivi 2009

auto_a_metano

Gli incentivi 2009 stanno per terminare e con la fine dell’anno inizia la corsa all’ultimo momento per l’acquisto di una auto nuova. Il Governo sta ancora ragionando sull’entità del bonus previsto per il 2010, con particolare attenzione alle auto a metano sulle quali si potrebbero concentrare gli stanziamenti, che però potrebbero essere inferiori rispetto a quanto previsto oggi, con sconti che vanno da 1500 fino a 5000 euro.

Se decidete di acquistarne una approfittando degli ultimi giorni, occhio però, perché deve essere immatricolata entro il 31 marzo 2010, altrimenti si perde il diritto all’incentivo 2009 e si accede a quello dell’anno successivo. Per evitare il rischio, si può scegliere un modello in pronta consegna, mentre, se non è disponibile o se si è disposti ad attendere, bisogna tenere presente che la richiesta è altissima e qualche mese di attesa è ormai la norma.

Nel caso siate rimasti indecisi fino ad adesso vi offriamo una piccola guida, suddivisa per marchi, sulle auto a metano in commercio in Italia, valida anche per i primi mesi del prossimo anno. Accanto ad ogni modello riportiamo tipologia, cilindrata, il valore di emissioni di CO2, il prezzo di partenza e l’ammontare degli incentivi applicabili, che ricordiamo sono di 3500 euro per i modelli con emissioni inferiori a 120 g/km e di 1500 euro per quelli che le superano. A questi si possono sommare altri 1500 euro se si rottama una Euro 0,1 e 2 immatricolata prima del 31 dicembre 1999. Nonché gli ulteriori sconti regionali come ad esempio gli incentivi in Lombardia.

Daniele Pizzo

Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

tuvali
seguici su Facebook