AirPod: l’auto ad aria verrà prodotta in Sardegna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Auto ad aria compressa, se ne parla ormai da anni. E ogni volta, le aspettative create restano sospese. Ma questa potrebbe essere (forse) la volta buona. Attesa già per il 2011, l’AirPod di AirMobility non ha ancora visto i natali, ma potrebbe farlo presto in Italia. E precisamente in Sardegna, dove ieri il consorzio di imprenditori sardi dell’Air Mobility Consortium ha presentato i veicoli ad aria compressa alla Regione.

È già stato individuato anche il sito dove sorgerà lo stabilimento: la piana di Ottana-Bolotona-Noragugume, in cui potrebbe nascere la prima micro fabbrica ecosostenibile nel mondo: dalla tecnologia innovativa per la produzione di energia sino alla realizzazione del prodotto finito che la utilizza, l’Air Pod, il veicolo a zero emissioni per eccellenza, alimentato da un sistema ad aria compressa.

Progettato in vari modelli, AirPod è un veicolo di design e molto leggero, costruito in fibra di vetro, capace di raggiungere 80 km/h di velocità e con tempi di ricarica brevissimi, una manciata di minuti rispetto alle ore necessarie a caricare un’auto elettrica. Leggero anche nei prezzi visto che il modello standard costa circa 7mila euro e basta un euro per percorrere 100 km.

La versione standard è progettata per il trasporto di quattro persone (3 adulti e un bambino) e ha spazio anche per i bagagli. Ma dall’incontro tra la società e la Sardegna è emerso che AirPod potrebbe essere usata anche come veicolo agricolo.

Il potenziale di sviluppo della tecnologia utilizzata dall’Air Pod è enorme, soprattutto se applicata non solo per la mobilità urbana, ma, per esempio, anche in campo agricoloha detto l’assessore dell’Industria, Antonello Liori, al termine dell’incontro con il management di Airmobility, che ha presentato i veicoli ad aria compressa (Air Pod).

“Un’innovazione tecnologica finalizzata anche a poter dare risposte alla sostenibilità ambientale e soprattutto sociale – ha aggiunto Liori – Valuterò come la Regione possa sostenere lo sforzo coraggioso di questo gruppo di imprenditori sardi, soprattutto per favorire l’eventuale esportazione del prodotto oltre i confini dell’Isola. Confidando che questa azienda possa rappresentare un esempio per la creazione di altre iniziative pronte ad affrontare la sfida tecnologica.”

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Auto ad aria compressa: PSA Pegeout Citroen ci prova con un’ibrida

AirPod: l’auto ad aria compressa a 7000 euro nel 2013. È la volta buona?

Auto ad aria compressa: la vedremo nel 2011?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook