incentivi autoel

Incentivi auto elettriche a partire dal 2013. Ma nel testo unificato di recente adottato dalle commissioni Trasporti e Attività Produttive della Camera che sarà discusso a giugno in Parlamento, ci saranno bonus ridotti anche per nuove auto a metano e GPL.

Chi, nel 2013, acquisterà un veicolo elettrico, quindi a zero emissioni, potrà beneficiare di agevolazioni pari a 5.000 euro. Invece, i modelli a GPL, metano e Bifuel essendo al di sotto della soglia di 95 g/km, potranno usufruire di un bonus pari a 1.200 euro. Il tutto previa rottamazione di una vecchia auto.

Cosa prevede il nuovo sistema? Salvo cambiamenti dell'ultim'ora, sarà disponibile un bonus di 5 mila euro per chi acquisterà un'auto elettrica o ad autonomia estesa, avente emissioni di CO2 fino a 50 g/km, e di 1.200 euro per i veicoli con emissioni inferiori ai 95 g/Km: tra essi rientrano le auto a GPL o Metano, Bifuel o dei nuovi motori benzina a 3 cilindri come il TwinAir. Inoltre, chi vorrà usufruire dell'incentivo dovrà anche rottamare un altro veicolo. Ma quali saranno i modelli di auto che rientreranno nei bonus previsti per il prossimo anno?

I modelli che usufruiranno degli incentivi

Incentivi pari a 5000 euro. Non sono ancora numerose le auto dotate esclusivamente del motore elettrico. Stando così le cose, potranno usufruire del massimo bonus da 5mila euro la Peugeot I-ON, la Citroen C-Zero e la Mitsubishi I-MieV, i cui prezzi dovrebbero partire rispettivamente da 23.318 euro, 23.321 euro e 31.800 euro. Le due citycar francesi, Peugeot e Citroen sono state, anche senza incentivi, le più vendute in Italia. Anche la Smart elettrica potrà usufruire del bonus, insieme alla Renault Zoe, a partire da 16.650 euro e alla Nissan Leaf a 33.500 euro. Non potevano di certo mancare la Chevrolet Volt alias Opel Ampera, con tecnologia ibrida ad autonomia estesa. I prezzi in questo caso scenderanno a 38.350 e 40.500 euro. E per finire, anche l'elettrica di lusso Fisker Karma, che potrà essere acquistata con uno storno di 5.000 euro ad un prezzo di partenza che non è di certo popolare: 101.450 euro.

Incentivi pari a 1.200 euro. Potranno beneficiare di un bonus più basso tutti i veicoli a GLP, metano e ibridi con emissioni comprese fra 50 e 95 g/km di CO2. Tra esse: Chevrolet Aveo, Citroen C3, Fiat 500 e 500 C, la Punto, le nuova Kia Rio e Peugeot 208, le Renault Twingo e Clio e alcune versioni di Smart Coupé e Cabrio. Ma non solo. Potrebbero usufruire degli incentivi ridotti anche le Toyota Hybrid Prius e Auris e la Lexus 200h Hybrid. Ma sul fronte GPL, l'unica vettura che avrà il bonus sarà la Suzuki Alto.

I forse. Restano in forse gli incentivi per la Renault Twizy, che se rientrasse nel bonus scederebbe ad un prezzo davvero record: 1.990 euro. Meno di uno scooter. In attesa anche la Toyota Prius Plug-in e la Volvo V60 Plug-in Hybrid, due veicoli ibridi che alternano emissioni zero per i 25 km percorribili in modalità elettrica a quelle di 85 g/km di CO2 in modalità Full Hybrid. Come classificarle allora in termini di bonus?

Nel caso del veicolo giapponese, bisognerà capire se verrà tenuta in considerazione la media di 49 g/km, facendo rientrare l'auto nella fascia da 5mila euro, oppure se verrà considerato solo il secondo valore, ed in quel caso, l'auto potrà beneficiare dell'incentivo da 1.200 euro.

Tempi. Chi vorrà usufruire del massimo degli incentivi, nel 2013 dovrà affrettarsi. Un anno dopo, nel 2014 i bonus scenderanno da 5mila a 4mila euro e da 1.200 a 1.000 e nel 2015 rispettivamente a 3 mila e ad 800 euro.

Francesca Mancuso

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram