C-zero_elettrica_Roma

Due notizie, oggi, che riguardano la mobilità sostenibile. Una buona e una... meno buona. La prima: il Comune di Roma strizza l'occhio alle auto elettriche, con l'arrivo di una prima flotta di Citroen C-Zero, la “elettrica” del Double Chevron sviluppata secondo un progetto comune fra PSAPeugeot Citroen e Mitsubishi.

Ieri, accompagnate da una cerimonia che si è svolta in Piazza del Campidoglio, sono stati consegnati 14 esemplari di Citroen C-Zero acquisiti dall'amministrazione capitolina e destinati alla polizia municipale.

Le Citroen C-Zero (agili citycar a 5 porte e 4 posti a trazione elettrica al 100%), delle quali dieci saranno destinate all'autoparco della polizia Roma Capitale per interventi nel centro storico e le restanti quattro saranno consegnate in uso all'Osservatorio per i Cambiamenti climatici del Dipartimento dell'Ambiente, sono stati acquisiti dal Comune di Roma secondo un piano di mobilità eco friendly, reso noto ieri alla cerimonia di consegna delle C-Zero, che viene realizzato con la collaborazione congiunta di Comune di Roma, Ministero dell'Ambiente e Citroen Italia. Un piano che va di pari passo con il maxi progetto di sviluppo della mobilità sostenibile per il quale – ha sottolineato il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo – sono stati programmati 41 miliardi di euro in 10 anni.

E fin qui la notizia “buona”. Quella “meno buona”, verso la quale si punta il dito da tempo, è una riflessione sulle potenzialità di penetrazione nel mercato per le auto elettriche, le cui sorti – parlando per il futuro “dietro l'angolo” - non appaiono delle migliori per l'Italia, soprattutto se si tengono conto degli attuali volumi di vendita e della carenza di incentivi all'acquisto e di reti di ricarica. L'occasione della consegna delle 14 Citroen C-Zero al Comune di Roma è troppo ghiotta per lasciarsi scappare alcune considerazioni.

I vertici di Citroen annunciano che il programma eco friendly del marchio, avviato con C-Zero, proseguirà nell'immediato futuro con il debutto di un modello a motorizzazione ibrida elettrica – Diesel e culminerà, nel 2014, con l'introduzione di una prima gamma di auto ad alimentazione elettrica plug-in. Secondo le nostre stime, intro dieci anni, il 15% del parco auto circolante sarà elettrico – osserva Ayoul Grouvel, numero uno della Divisione Veicoli elettrici di PSA – Per concretizzare questo risultato, tuttavia, è indispensabile avere il concreto sostegno delle amministrazioni locali (Comuni), delle aziende e utility di energia elettrica e degli enti pubblici”.

Un discorso indirettamente già affrontato, basta vedere i progetti E-Moving ed E-Mobility avviati nei mesi scorsi. Il Ministero dell'Ambiente, la figura più vicina al potenziamento della mobilità sostenibile, avverte per bocca del ministro Prestigiacomo che i fattori fondamentali per lo sviluppo delle auto elettriche, in Italia come negli altri Paesi, sono due: “Operare attraverso costi meno elevati per i cittadini, e una presenza sempre maggiore di colonnine per la ricarica”.

Gli aiuti concreti offerti dal Ministero, in questo senso, si limitano a una serie di benefit (più che incentivi veri e propri) per gli ancora sparuti possessori di un'auto elettrica (finora gli autoveicoli a zero emissioni di nuova generazione venduti in Italia sono circa 170): ingressi liberi nelle aree Ztl, soste gratuite nelle aree blu. E la “promessa” (della quale ci siamo occupati più volte) del via agli incentivi per il periodo 2012 – 2015: da 5 mila euro a 1000 euro, a scalare a seconda dell'anno che sarà scelto per l'acquisto di un'auto elettrica. Una questione ancora in ballo, peraltro.

Intanto, le amministrazioni locali si muovono. A Roma come a Milano, e in questi giorni a Firenze: Matteo Renzi, sindaco del capoluogo toscano, ha firmato un protocollo d'intesa con Renault e Nissan (le due Case viaggiano in partnership nello sviluppo di soluzioni per la mobilità elettrica) finalizzato a un programma a medio termine (dal 2016) per lo sviluppo delle infrastrutture di mobilità a zero emissioni. Fra cinque anni, indica Renzi, chi entrerà nel centro storico di Firenze a bordo di un autoveicolo, potrà farlo solo se si tratta di un mezzo elettrico.

Nuovamente: le amministrazioni locali recepiscono la questione, le rappresentanze politiche centrali sembrano inseguire a fatica. E per comprare una utilitaria elettrica, finora, occorre la stessa somma di una berlina di classe media.

Piergiorgio Pescarolo

 

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram