Volkswagen_lenzuola_nere

Greenpeace torna a puntare il dito contro Volkswagen. Dopo l'iniziativa del video-parodia dello spot di "Guerre Stellari" successivamente bloccato proprio dai creatori della saga di Star Wars, la LucasFilmLtd, l'associazione arcobaleno fa comunque crescere "l'alleanza ribelle" contro la Casa automobilistica tedesca occupando sabato scorso più di sessanta concessionarie Volkswagen in Germania, Regno Unito e Francia "per denunciare le responsabilità del colosso tedesco rispetto al dramma dei cambiamenti climatici".

Gli attivisti dell'associazione, infatti, hanno fatto irruzione nelle concessionarie del noto marchio e coperto con un lenzuolo nero su cui era scritto "Stop alla lobby anti-clima" tutti i modelli di auto esposti, spiegando ai clienti le motivazioni che hanno spinto al gesto ovvero i danno ambientali causati dall'azienda. In particolare sono state prese di mira 35 concessionarie in Germania, sede principale della Volkswagen, 11 concessionarie in Francia e 14 in Gran Bretagna.

«Oggi Greenpeace entra in azione soprattutto per parlare ai clienti del marchio tedesco, che spesso dimostrano una sensibilità ambientale superiore alla media. Volkswagen è così potente che, con le sue scelte, potrebbe innescare un profondo cambiamento nel mercato globale dell’auto e guidare la politica verso traguardi ambiziosi, se solo decidesse di sostenere leggi davvero efficaci per contrastare i cambiamenti climatici» commenta Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace.

Secondo Greenpeace International, Volkswagen spenderebbe una fortuna in pubblicità per cercare di sviluppare un'immagine "verde". Ma in realtà, l'azienda di Wolfsburg si oppone alle leggi fondamentali per la protezione del clima essendo la Casa costruttrice dei veicoli che producono più CO2 di tutte. Volkswagen, inoltre starebbe lavorando anche per fermare l'obiettivo europeo di riduzione del 30% entro il 2020 come proposto da Francia e Gran Bretagna.

Come spiegato sul comunicato stampa dell'associazione, infatti, "nonostante affermi di essere un’azienda automobilistica “verde”, Volkswagen svolge un’intensa attività di lobbying per fermare l’adozione di leggi indispensabili per proteggere il clima. Inoltre, solo il sei per cento della sua produzione è equipaggiato con le tecnologie più efficienti ‘Blue Motion’ - di cui dispone in esclusiva - per l’abbattimento delle emissioni".

Per questi motivi Volkswagen è stato il bersaglio della campagna internazionale lanciata da Greenpeace lo scorso giugno www.vwdarkside.com dove l'associazione ha realizzato la parodia dello spot pubblicitario più visto su Internet e pubblicato il rapporto “Il Lato Oscuro di Volkswagen”. In quella circostanza, la campagna online era riuscita a mobilitare più di 370 mila persone per chiedere all'azienda tedesca di migliorare il suo impegno nell'ambiente. Dall'Italia arrivarono più di 70 mila adesioni.

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram