marchionne_fiat_auto_elettriche

Lo spin-off della Fiat, approvato ieri e che ratifica il progetto di scissione del Lingotto in Fiat Industrial e Fiat SpA, contribuirà a dare nuova linfa allo sviluppo di modelli elettrici. Entro due anni, la Fiat, attraverso la Chrysler, lancerà negli USA il primo modello di auto elettrica.

Lo ha annunciato l'amministratore delegato Sergio Marchionne. Il quale, d'altro canto, non ha nascosto alcune personali perplessità sulle concrete possibilità di successo per questa tecnologia. Almeno, non a tempi brevi.

2012: l'anno della “elettrica” negli USA

La dichiarazione dell'amministratore delegato, tuttavia, non gli ha impedito di indicare la data entro la quale negli USA debutterà una prima serie di vetture a zero emissioni, che potremo vedere fra due anni.

Riguardo all'attuale favore che sta incontrando il panorama delle vetture a motore elettrico e batteria al litio, Marchionne però mette le mani avanti: Attenzione ai facili entusiasmi. Bisogna ancora lavorare, e molto, sulla ricerca tecnologica”.

D'altro canto, la strada perseguita da molti costruttori può essere giusta. Ma – avverte il manager del Lingotto – bisogna distinguere fra la moda e l'effettiva conquista di nuove e importanti fette di mercato. Prima bisogna risolvere in maniera efficace alcuni problemi, che rischiano di limitare lo sviluppo delle auto elettriche. Mi riferisco ai costi, ancora elevati. E sulle dimensioni delle batterie. Da partte nostra, ci stiamo già lavorando”.

La novità annunciata da Marchionne – una “mezza novità” - riguarda una prima bozza di identità per le future “zero emissioni” a marchio Fiat, attese al debutto entro il 2012:Introdurremo il primo modello elettrico negli Stati Uniti attraverso la Chrysler. Loro l'avevano già sviluppata negli anni scorsi, prima che arrivassimo noi”.

Le Chrysler elettriche dell'èra pre – Fiat

È storia recente, e affonda le proprie radici a un paio di anni fa, quando la Chrysler aveva annunciato una propria gamma di modelli a zero emissioni, che avrebbero dovuto debuttare entro il 2010.

La “famiglia” delle vetture eco friendly del Gruppo americano era composta dalla Dodge EV, una coupé a due posti presentata nel 2009 al Salone di Detroit, basata sull'attuale Lotus Europa S ed equipaggiata con un motore elettrico da 268 CV e 650 Nm di coppia, alimentato da batterie al litio; dalla Chrysler 200C EV, berlina ibrida plug – in, anch'essa mostrata per la prima volta a Detroit nel 2009; dalla Jeep Patriot EV, SUV “ibrido” extended range, che aveva fatto la propria comparsa allo stesso Salone dell'auto; e dalla Electric Wrangler, versione a zero emissioni dell'eterno 4x4, simbolo dell'off road a stelle e strisce.

Nel novembre del 2009, con la dismissione, da parte della Fiat, della Divisione ENVI della Chrysler (il reparto specializzato in ricerca e sviluppo nel campo dell'auto elettrica e ibrida), avvenuta lo scorso novembre, ha di fatto cancellato i progetti Chrysler. Adesso, si può dire che inizierà il secondo capitolo.

Piergiorgio Pescarolo


maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram