ShangaiVolkswagen-e-motion

Il presente e il futuro della Volkswagen si danno la mano e, a Shanghai, debuttano insieme. Che il mercato cinese sia uno dei più importanti per il Gruppo di Wolfsburg, lo confermano i sei miliardi di euro di investimenti che la Volkwagen ha operato in quella che rappresenta una delle Nazioni di maggiore richiamo per i costruttori. A fianco della Phaeton, la nuova ammiraglia esposta nei mesi scorsi, in anteprima, al Salone di Pechino, l'Expo 2010 ha visto in questi giorni la presentazione delle novità a emissioni zero, le auto elettriche della Casa tedesca destinate, a breve termine, a debuttare sul mercato.

Il “lancio” commerciale per la Golf, la Up! e la Lavida a trazione elettrica, infatti, è previsto per il 2013. E che il futuro della mobilità eco sostenibile sia un argomento di stretta attualità, lo dimostra il fatto che il Governo tedesco, nelle scorse settimane, ha confermato il “piano mobilità” che entro il 2020 dovrà portare a un milione di veicoli elettrici circolanti.

La Golf “emissioni zero” incanta i cinesi

Golf_blue-e-motion

Trentasei anni di carriera, esportata e prodotta in tutto il mondo in diversi milioni di esemplari. La Golf elettrica, ultima declinazione (in ordine di tempo) per la “compatta” di Wolfsburg, era già stata svelata in anteprima nelle scorse settimane nelle vesti di concept.

Una pre serie che, in questi giorni, è stata esposta al Circuito di Shanghai. Lo stesso che ospita il Gran premio di Formula 1 e che, per qualche giorno, ha messo da parte il rumore assordante delle monoposto per fare spazio al... silenzio della propulsione a zero emissioni della Golf blue e-motion.

A dispetto delle forme esterne, pressoché identiche a quelle dei modelli “tradizionali” in vendita dal 2009, la Golf blue e-motion viene equipaggiata con un motore elettrico da 115 CV – 85 kW che permette una velocità di punta di 135 km/h, accelerazione 0 – 100 in 11,8 secondi e 150 km di autonomia garantita dalle batterie al litio che trovano posto sotto il pianale della vettura.

Queste ultime possono essere ricaricate, attraverso una “presa” sistemata nella parte anteriore della vettura, in sette ore (se si utilizza una normale “presa” domestica) oppure tre ore attraverso una “presa” ad alto voltaggio. Nel futuro, grazie al debutto delle colonnine trifase, la ricarica all'80 per cento sarà disponibile in soli 20 minuti.

All'ombra della Grande Muraglia debutterà la Lavida

volkswagen-lavida

Anno 2013: anche nel Paese del Dragone la mobilità a emissioni zero avrà lo “scudetto” VW. Il secondo modello presentato a Shanghai è la Lavida elettrica, una berlina con caratteristiche da ”auto di famiglia” frutto della collaborazione fra i tecnici tedeschi e cinesi. La vettura esposta a Shanghai è allo stadio di prototipo, ed è attesa sul mercato fra tre anni, subito dopo il lancio della Golf e della Up!.

Per la Lavida, equipaggiata con un motore elettrico da 69 Cv di potenza continua e un “picco” utile di 115 CV e 270 Nm di coppia e alimentato da batterie al litio, la Casa dichiara una velocità massima di 130 km/h. L'autonomia, di 150 km, è la stessa della Golf blue e-motion, con la quale la Lavida condivide l'impostazione tecnologica e di sicurezza. Le batterie, infatti, vengono alloggiate all'interno di una struttura fissata nel sottoscocca rinforzato e al bagagliaio, e la posizione del motore è anteriore.

La Up! “vede” la Cina per la prima volta

Volkswagen_e_up_

Piccola piccola (è lunga meno di 3,20 metri) e capace di trasportare tre passeggeri + 1, la Up! Blue e-motion ha fatto anch'essa il suo debutto a Shanghai. Per questa citycar, definita dalla Volkswagen “Il 'Maggiolino' del XXI secolo” e dallo stile progettato dal team guidato dall'italiano Walter de' Silva, il risultato proposto dai designer è di una vettura che preannuncia il carattere estetico della futura New Small Family.

Fra le particolarità della Up! Blue e-motion, l'adozione di pannelli solari per il tetto: una superficie di 1,4 metri quadri che può diventare di 1,7 metri quadri se si abbassano le alette parasole (anch'esse fornite di pannelli solari). Questa soluzione è stata scelta dalla Volkswagen per accumulare in maniera costante l'energia utile per i servizi di bordo e l'aerazione automatica dell'abitacolo quando la vettura è ferma.

Le prestazioni della Up! Blue e-motion si annunciano in linea con le altre due novità a emissioni zero di Wolfsburg: il motore elettrico, montato in posizione anteriore, fornisce una potenza continua di 54 CV (82 CV nel picco di potenza) e una coppia massima di 210 Nm. La batteria al litio della capacità di 18 kWh garantisce un'autonomia fino a 130 km. Ce n'è abbastanza per compiere il tragitto quotidiano casa – lavoro o per effettuare trasferte a breve – medio raggio.

La strategia “elettrica” di Volkswagen

Lo scorso marzo, al Salone di Ginevra, la Volkswagen ha annunciato la propria ricerca per il debutto delle vetture a trazione elettrica, che costituisce una sorta di evoluzione dalla tecnologia ibrida scelta per la recente Touareg a benzina ed elettrica. Per il programma Blue e-motion, si tratta di un percorso simile e parallelo, la cui fase di prova su strada prenderà il via in maniera concreta nel 2011 con la messa in circolazione di una prima flotta di vetture sperimentali e che culminerà nel 2013 con il debutto nei listini di Wolfsburg della Golf, Up! e Lavida, le prime tre “elettriche di serie” della storia della Volkswagen.

Piergiorgio Pescarolo

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram