nissan-leaf_hi

Tredicimila esemplari erano stati programmati per il primo anno di produzione... e tredicimila sono stati aggiudicati. Come dire: non è ancora su strada, e la Nissan Leaf ha già fatto il pienone di ordinazioni. Purtroppo per noi, l'auto elettrica della Casa giapponese sarà disponibile da dicembre solo per gli automobilisti... a stelle e strisce.

E sì: tutte le ordinazioni sono state rivolte alla clientela d'oltreoceano. D'altro canto, la vettura viene costruita nel nuovo stabilimento di Smyrna (Tennessee), proprio accanto al complesso in via di allestimento che dal 2012 ospiterà il centro di produzione delle batterie al litio che alimenteranno la Leaf.

Ed è stato deciso anche il prezzo: la Nissan Leaf viene messa in vendita a 32780 dollari, equivalenti a circa 26500 euro. Ma questa cifra può anche diminuire: con gli incentivi decisi dal Governo degli Stati Uniti, la Leaf può essere acquistata per 25 mila dollari, qualcosa come 20500 euro. Un ottimo affare, no?

Leaf: un'auto... green come una foglia. E per tutta la famiglia

Nomen omen: la Nissan Leaf è un'auto creata ex novo per coniugare la guida eco sostenibile con la capienza di un'auto per tutta la famiglia. E questo è uno dei caratteri della mobilità green: l'auto a emissioni zero per tutti.

Presentata nell'estate del 2009, la Leaf – che deve la propria tecnologia all'impegno congiunto di Nissan e Renault, “alleate” da 11 anni – rappresenta quanto di più attuale ci sia, nel settore dell'automobile, per raggiungere un obiettivo al quale molte Case tendono: l'auto da famiglia che abbia meno consumi ed emissioni possibile.

Lontani, dunque, dalle concept cars iper tecnologiche ma ancora piuttosto lontane dal concetto attuale di auto, la preferenza delle Case va proprio alla ricerca di una mobilità che tenga conto delle esigenze delle famiglie. Gli esempi, del resto, non mancano: dalle Renault a zero emissioni (peraltro... sviluppate dalla Casa francese alleata con la Nissan) alla Golf Blue E-motion, prototipo della versione elettrica programmata per i prossimi anni, alla Chevrolet Volt, Opel Ampera (giusto per citarne solo alcune).

La Nissan Leaf misura 4,5 metri di lunghezza, l'abitacolo è a cinque posti. Dal punto di vista estetico, appare interessante la scelta della forma per i fari anteriori. I gruppi ottici, per la loro particolare conformazione, sono stati studiati per far defluire l'aria all'esterno e sulla parte superiore della Leaf.

In questo modo, ne migliora la penetrazione aerodinamica e il dispendio energetico è minore. Tutto, insomma, è finalizzato alla guida sostenibile. Dal motore (elettrico che sviluppa 109 CV – 80 kW per 280 Nm di coppia – valori che equivalgono a quelli di una Diesel di 1600 cc - ed è alimentato da batterie al litio che garantiscono un'autonomia di 160 km e possono essere ricaricate, in otto ore circa, anche attraverso una comune “presa” domestica) alla conformazione della carrozzeria.

Fra le altre soluzioni salva – ambiente: l'utilizzo di pneumatici a bassa resistenza al rotolamento, un accorgimento che trova concordi molti Costruttori, perché permette di abbassare la dispersione di energia durante la marcia del veicolo.

Dal 2012 si costruiranno 200 mila “elettriche”

A Smyrna, dove sorge lo stabilimento di produzione, sarà completato il complesso destinato alle batterie al litio che equipaggiano la vettura. I “piani” indicano grandi numeri: nel 2012, quando la fabbrica delle batterie sarà inaugurata, la capacità produttiva delle batterie servirà per equipaggiare 200 mila esemplari di Nissan elettriche pianificati per ogni anno di produzione.

Piergiorgio Pescarolo



maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram