car-pooling

Son finiti i tempi in cui si rifiutava il passaggio dagli "sconosciuti". Per ridurre il traffico e l'emissione di polveri sottili, bisogna invece cominciarlo a chiedere su Internet.

Torna a muoversi qualcosa sul fronte del "car-pooling", il modo ecologico ed economico per spostarsi condividendo l’automobile con chi fa il nostro stesso tragitto. Una pratica largamente diffusa in America e nel resto d’Europa, ma che in Italia stenta ancora a decollare. Ci riprova la Provincia di Firenze che nel corso di una conferenza stampa, ha annunciato di aver stipulato la prima ecopartnership italiana con il servizio 'RoadSharing'. È stato infatti inserito sul portale dell’Ente www.provincia.fi.it un link personalizzato, dedicato ai pendolari, che rimanda direttamente a www.roadsharing.com, il sito che permette di far incontrare on line la domanda e l’offerta di “passaggi” con l’obiettivo di incentivare la mobilità sostenibile, anche su lunga distanza.

In pratica chi offre un passaggio si registra con i propri dati sul sito inserendo luogo di partenza e di arrivo e resta in attesa di chi cerca il passaggio verso quella destinazione o un luogo lungo il tragitto. A sua volta, quest'ultimo può inserire il percorso desiderato e attendere una proposta di passaggio on line. Quando un utente trova una rotta che fa al caso suo, può contattare l'inserzionista, sarà poi Roadsharing ad inoltrare la comunicazione stabilendo così il contatto fra i futuri compagni di viaggio, senza che questi spendano un euro per il servizio ottenuto.

Grazie all'accoppiamento con GoogleMaps e Google Transit, le ricerche vengono fatte in base alle coordinate geografiche, permettendo di trovare passaggi con partenza e arrivo vicini a quelli ricercati e aumentando così le possibilità d'incontro.

I vantaggi che la Provincia di Firenze intende ottenere, a detta del suo presidente Matteo Renzi, consistono principalmente nella riduzione del traffico e nella maggiore facilità di trovare parcheggio, oltre che minori costi di viaggio, calo dei consumi e dell'inquinamento. Si tratta di un progetto che, se da un lato mira a ridurre i pendolari in auto all'insegna del risparmio energetico e della lotta all'inquinamento, dall'altro permette anche di creare legami tra più persone nel segno di uno spirito sociale. Questo almeno sulla carta.

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram