Queste sono le città più maleducate d’Italia per strada (e i risultati forse non ci sorprenderanno)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Città maleducate nello Stivale ne abbiamo? Sì, ma sono questi tre i centri in particolare che scalano la classifica italiana e forse in fondo ce lo aspettavamo. Tante le situazioni ritenute maleducate e inaccettabili che fanno davvero rabbia

Rispetto delle regole, comportamenti ritenuti pericolosi e sicurezza per strada in Italia. Questi alcuni parametri con cui Authoriality, Communication Advisor, ha condotto un’indagine per Dentsu Creative per scoprire quali città del nostro Paese fossero le più maleducate in termini di mobilità e quali atteggiamenti infastidissero di più i cittadini.

Per farlo è stata utilizzata la metodologia Web Opinion Analysis che, attraverso i social network, i blog e i principali forum, ha tenuto conto del parere di circa 1200 italiani di età compresa tra i 20 e i 50 anni. Dai riscontri è emerso che 3 sono le città italiane in cui la mobilità di gentile non avrebbe proprio nulla. E non è poi chissà che sorpresa.

Secondo gli italiani le città più maleducate che occupano rispettivamente il primo, secondo e terzo posto del podio sono:

  • Roma con il 61%
  • Milano subito dopo con il 59%
  • Napoli con il 55%

Seguono poi in quarta e quinta posizione Torino e Bari con il 52% e il 47%. Ma in base a cosa è stata stilata questa classifica? La classifica emerge nel corso di una stessa indagine dove si è tenuto conto di situazioni ritenute inaccettabili dagli uomini e dalle donne. Il 34% degli uomini pensa, ad esempio, che non vi cosa peggiore dei veicoli parcheggiati qua e là sulle strisce pedonali e sui marciapiedi, ostacolando passeggini e carrozzine.

Il 29% non tollera invece i monopattini che sfrecciano a zig-zag ovunque e neanche i ciclisti che si muovono al di fuori delle piste ciclabili, invadendo corsie a loro non destinate. Non per ultimo il 23% degli uomini considera a dir poco maleducato chi non cede il posto agli anziani sui mezzi pubblici o chi abbandona auto e motorini in noleggio in pessime condizioni (19%).

A differenza degli uomini, le donne lamenterebbero invece la maleducazione di coloro che non lasciano scendere i passeggeri per prima dai mezzi pubblici, salendo di prepotenza (43%). Il 35%, contro il 19% degli uomini, non sopporta veder abbandonati i veicoli condivisi fuori dalla città.

Solo il 17% delle donne reputa assurdo l’eccesso di velocità nei centri abitati, mentre il 12% giudica maleducato il non far attraversare i pedoni sulle strisce pedonali. Sorpresi di questi risultati?

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Dentsu

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook