A Roma misure “anti contagio” contro il MORBO che tutela i ciclisti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con una buona dose di ironia, il movimento punta a sensibilizzare i cittadini romani al rispetto dei ciclisti e delle piste ciclabili

Un nuovo morbo ha preso a diffondersi per le strade di Roma: è il MORBO, ovvero il MOvimento Romano Biciclette Organizzate. Il nome divertente e il logo (che rappresenta appunto un enorme e minaccioso agente patogeno) non devono trarre in inganno e allontanare dalla serietà di questa iniziativa.

Si tratta infatti di un progetto nato per sensibilizzare gli utenti della strada al rispetto degli spazi altrui e alle buone pratiche relative all’uso della bici e della mobilità dolce in generale. Troppo spesso le piste ciclabili sono occupate da auto in sosta, motorini e monopattini elettrici parcheggiati, oppure da cumuli di rifiuti – per non parlare di pedoni e automobilisti “distratti” o frettolosi, che non rispettano chi è in sella alla bicicletta.

Leggi anche: Automobili sulle piste ciclabili: un premio in denaro a chi denuncia i parcheggi abusivi

Pedalare è un atto di rispetto verso la città e l’ambiente, poiché ci permette di muoverci anche su lunghe tratte – magari per andare al lavoro o a scuola – senza inquinare e senza rilasciare nell’atmosfera urbana il dannosissimo particolato proveniente dai tubi di scappamento di auto e moto.

E invece, anziché creare un ambiente il più possibile favorevole all’uso delle due ruote, i ciclisti si trovano costretti a fare slalom fra le auto, i motorini e i rifiuti, e la loro incolumità è messa spesso a repentaglio dall’inciviltà degli altri utenti della strada.

Il MORBO rappresenta proprio questo: prende piede in città quando si diffondono atteggiamenti di maleducazione, di mancanza di rispetto delle regole e degli altri. Come si legge sul portale dell’iniziativa:

Tutti vorremmo una città più a misura di cittadino che quest’ultimo utilizzi la macchina, i mezzi pubblici, la bicicletta o i propri piedi. Se tutti facciamo uno sforzo per rispettarci e rispettare gli spazi pubblici allora avremo fatto un passo enorme verso una Roma più bella.

Bastano pochi semplici accorgimenti per evitare che il MORBO si diffonda, contagiando i cittadini. Innanzitutto, sia che siamo in auto sia che siamo in sella alla bici, ricordiamo che non siamo soli sulla strada e impariamo a rispettate tutti gli “attori urbani”, ognuno con le sue esigenze.

Allertiamo poi i nostri sensi per percepire la presenza di una bicicletta accanto a noi: guardiamo sempre la strada a 360° e ascoltiamo gli eventuali segnali che provengono da un ciclista: bici e monopattini non fanno molto rumore, è vero, ma hanno dei campanelli che ci avvertono del loro arrivo.

Infine, se siamo in auto controlliamo sempre dove ci parcheggiamo e prestiamo attenzione ogni volta che svoltiamo a un incrocio o che siamo fermi nel traffico. Un attimo di attenzione in più allontanerà il rischio di incidenti potenzialmente pericolosi ai danni dei ciclisti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Il Morbo

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook