Bikemergency: a Terni i soccorsi arrivano in bicicletta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Terni i soccorsi sanitari arrivano su due ruote. E' stato presentato ieri a Palazzo Spada Bikemergency, il nuovo servizio a disposizione della cittadinanza promosso dall'associazione volontariato Amulaife con il supporto del Cesvol e la collaborazione del Comune.

Ecco il carrello smart per la spesa

A Terni i soccorsi sanitari arrivano su due ruote. È stato presentato ieri a Palazzo Spada Bikemergency, il nuovo servizio a disposizione della cittadinanza promosso dall’associazione volontariato Amulaife con il supporto del Cesvol e la collaborazione del Comune.

In pratica due operatori sanitari a cavallo di altrettante biciclette allestite con attrezzature mediche pattuglieranno parchi, centri commerciali, mercati rionali e in generale i luoghi maggiormente frequentati dai cittadini per rispondere immediatamente ad eventuali richieste di aiuto e intervenire, così, con velocità, anche in zone inaccessibili ad altri mezzi per il primo soccorso.

Gli operatori sanitari bicimuniti saranno a disposizione anche del 118 che potrà avvalersi dei loro servizi segnalando in contatto radio le emergenze. È stato previsto infatti il coinvolgimento dell’Azienda sanitaria locale e di quella ospedaliera oltre che delle forze dell’ordine.

bikEmergency_locandina

Apparecchi radio, defibrillatori, lampeggianti a LED, borse con materiale per medicazione e rianimazione sono le attrezzature a disposizione degli operatori del servizio Bikemergency che saranno in grado così di intervenire anche sulle urgenze con tempestività.

bike_emergency

È una vera e propria eccellenza a livello nazionale”, ha commentato il Sindaco Di Girolamo alla conferenza stampa di ieri Ringraziamo i volontari che hanno messo in piedi un servizio utile, in particolare in questo periodo caratterizzato dal gran caldo. La presenza di personale comunque in grado di intervenire nel primo soccorso è un elemento di garanzia e di sicurezza per molti cittadini. La presenza nelle zone deputate alle attività sportive, come i parchi, o all’incontro e alla socializzazione, di operatori che possono intervenire molto rapidamente è un contributo importante a quella sanità di qualità che vede l’Umbria ai primi posti della classifica nazionale, anche per quanto attiene il pronto intervento“,.

Simona Falasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile e Co-Founder di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa di diversi settori. Appassionata di tecnologia e ambiente, ha tenuto corsi di scrittura per il web dedicati a giornalisti e studenti.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook