Auto guasta? L’officina ti fornisce gratis una bicicletta realizzata dai carcerati (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ti si è rotta l'auto e non sai come muoverti? Niente paura, l'officina ti fornisce la bicicletta in sostituzione del veicolo guasto! E non una due ruote ecologica qualunque, ma una bici nuova di pacca assemblata dai detenuti delle carceri fiorentine. E' il progetto '2×4' che promuove il trasporto sostenibile, con una funzione anche sociale.

Ti si è rotta l’auto e non sai come muoverti? Niente paura, l’officina ti fornisce la bicicletta in sostituzione del veicolo guasto! E non una due ruote ecologica qualunque, ma una bici nuova di pacca assemblata dai detenuti delle carceri fiorentine. È il progetto ‘2×4’ che promuove il trasporto sostenibile, con una funzione anche sociale.

L’iniziativa, realizzata da Gestioncar in collaborazione con la Cooperativa Ulisse, è stata presentata al Museo Novecento di Firenze, alla presenza, tra gli altri, del sindaco Dario Nardella e della giunta, dell’amministratore delegato Gestioncar Mario Gargano, del presidente della Cooperativa Ulisse Gianni Autorino e di Marco Berry, testimonial del progetto.

Tutte le officine della rete Gestioncar, oltre alle auto, avranno in dotazione delle vere e proprie bici ‘di cortesia’ da offrire gratuitamente al cliente per tutto il tempo di fermo auto necessario alla riparazione. Le biciclette, già consegnate a 50 officine, sono state realizzate dai detenuti del carcere di Sollicciano che ha aderito al progetto ‘Piedelibero’ promosso dalla Cooperativa Sociale Ulisse e che prevede la rigenerazione e il restauro di bici abbandonate provenienti dai depositi comunali.

“È bello che i promotori abbiano scelto Firenze per lanciare questa iniziativa. Evidentemente la nostra città evoca un modello positivo, rispettoso dell’ambiente e coglie la sfida di una mobilità diversa – ha detto il sindaco Nardella – In tutto ciò c’è anche un valore di socialità, dato che le bici utilizzate sono realizzate dalla Cooperativa Ulisse nell’ambito del progetto Piedelibero, grazie al quale i detenuti possono sentirsi molto più utili. Sono sicuro che Firenze sarà un esempio per tutta l’Italia. Un bel messaggio – ha concluso Nardella – che lanciamo in un periodo difficile per la mobilità a causa dei lavori per la tramvia: dobbiamo puntare al massimo sulla collaborazione dei fiorentini e sulla possibilità di usare mezzi alternativi come la bicicletta“.

Sempre nell’ottica di incentivare l’uso della bici in città, Gestioncar offrirà gratuitamente a chiunque acquisti una bici “Piedelibero” la Gestioncard, una tessera che permetterà di avere a disposizione un numero verde, attivo h24 sette giorni su sette, per il soccorso stradale e indirizzamento su rete di riparatori a condizioni agevolate.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Colazione gratis (e non solo) per chi va al lavoro o a scuola in bici

El Poderoso: da Firenze a Roma con un risciò

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook