Il gruppo Volkswagen è pronto a ritirare 111.000 auto ibride plug-in per rischio incendio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il richiamo globale di VW riguarda oltre 100mila auto plug-in Audi, VW, Skoda e Seat. Esisterebbe il rischio di incendio a causa di una batteria ad alta tensione non sufficientemente isolata

Sono oltre 111mila le auto dei marchi Audi, Cupra, Seat, Skoda e Volkswagen prodotte tra il 2020 e il 2022 che avrebbero un difetto che, se non risolto, potrebbe causare l’incendio della vettura e su cui il gruppo Volkswagen ha avviato una campagna di richiamo mondiale.

Secondo Automotive News Europe il problema riguarderebbe modelli con motorizzazione ibrida plug-in: il marchio VW richiamerà 42.300 modelli Passat, Golf, Tiguan e Arteon, mentre Audi richiamerà 24.400 veicoli. Anche le unità Seat e Skoda sono interessate.

Stando ai dati forniti dalla KBA, l’Ufficio federale tedesco dei veicoli a motore, il problema starebbe in “un fissaggio inadeguato della copertura del motore che può portare al contatto con parti calde e successivamente al fuoco”, aggiungendo che in Germania sono stati segnalati già 16 casi di questo tipo.

Il richiamo riguarda per la precisione 111.321 vetture in tutto il mondo e al momento ancora non abbiamo il numero esatto delle auto vendute in Italia e che eventualmente saranno richiamate. Nei prossimi giorni la casa automobilistica dovrebbe dare comunicazioni ufficiali.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: ANE

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook