Autista ubriaco, il Tir va contromano in autostrada a Imperia: è assurdo che sia ancora possibile farlo!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Guidava ubriaco il conducente del tir che ha percorso 2 km contromano sull'autostrada A10, in provincia di Imperia. Tragedia sfiorata!

Sfiorata la tragedia in provincia di Imperia, lungo un tratto dell’autostrada A10, tra Bordighera e Sanremo, dove l’autista di un Tir, ubriaco, ha percorso 2 km contromano. Un gesto a dir poco irresponsabile che avrebbe potuto causare la morte di molte persone, ma che per fortuna non ha provocato vittime.

E pensare che le soluzioni per evitare queste tragedie, che purtroppo continuano a verificarsi puntuali a cadenza regolare, esistono. Come questi dispositivi chiamati in inglese “tyre killer, ovvero “assassini di pneumatici”, in grado di distruggere le gomme degli automezzi che procedono contromano, senza intaccare quelle di chi va nel senso giusto e quelle dei mezzi autorizzati, che possono disattivarli manualmente. Una soluzione drastica, ma salvavita!

Tyre killer

Tornando alla tragedia sfiorata, ad allertare la Polizia Stradale di Genova è stata la sala radio della concessionaria Autofiori alle 20:17, che si è accorta di quanto stava accadendo grazie alle telecamere di sorveglianza.

Non appena ricevuta la segnalazione, le pattuglie hanno raggiunto il camion che viaggiava a una velocità media di 97 km/h. Si è poi scoperto, sempre grazie alle telecamere, che quest’ultimo aveva eseguito una manovra di inversione di marcia in un by-pass.

Tir contromano su autostrada dei fiori

L’autista è stato fermato alla barriera di Ventimiglia dalla Polizia di Frontiera e dalla polizia autostradale, allertata dal COA. Sottoposto a test alcolico, il conducente è risultato positivo, il veicolo è stato confiscato, e il guidatore sanzionato con un multa di 6.500 euro mentre la violazione penale per guida in stato di ebbrezza verrà fissata dal Giudice.

È stata davvero una fortuna che non sia accaduto nulla perché una simile manovra avrebbe potuto uccidere molte persone. E dato che non è la prima volta, e probabilmente non sarà nemmeno l’ultima, ci auguriamo che dispositivi come quelli indicati vengano al più presto presi in considerazione, anche perché sono già installati in molti altri Paesi.

Ti potrebbe interessare anche:

Il tuo cane ti aspetta: lo spot contro la guida in stato d’ebbrezza che fa commuovere il web

Laura De Rosa

Fonte e Photo Credit: Questura Imperia e Pilomat

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook