Salone di Ginevra 2010: DOK-ING XD, l’auto elettrica “alata” che parla croato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra le concept car che faranno il loro ingresso al Salone di Ginevra 2010 in programma dal 4 al 14 marzo, ci sarà anche la Dok-Ing XD, una micro-car elettrica dalle linee futuriste che ricordano vagamente la Smart.

Tra le concept car che faranno il loro ingresso al Salone di Ginevra 2010 in programma dal 4 al 14 marzo, ci sarà anche la Dok-Ing XD, una micro-car elettrica dalle linee futuriste che ricordano vagamente la Smart.

La Dok-Ing è realizzata da un’azienda croata specializzata nello sviluppo e nella produzione di robot e macchine intelligenti multiuso che vanta 18 anni di esperienza sul campo. La Dok-ing per la prima volta si è cimentata nella realizzazione di una auto elettrica ed ha impiegato quattro anni per realizzare questo piccolo gioiello tecnologico che rispecchia in pieno le dimensioni “downsizing” tanto di moda, ideali per la mobilità urbana.

La piccola vettura ha tre posti ed un’apertura “alata” degli sportelli. Al momento presenta due opzioni: la prima, più economica, è un motorino elettrico dalla bassa autonomia. La seconda versione invece beneficerà di un’autonomia di 250 Km con sole due ore di ricarica grazie alla batteria al litio fosfato (LifeP04). La vettura inoltre potrà montare anche due motori elettrici di ultima generazione da 50 Kw/65 CV che garantiscono un’accelerazione eccezionale ed una velocità massima che può arrivare fino ai 130 chilometri all’ora così da poter utilizzare la XD in autostrada.

L’azienda croata darà un seguito alla XD solo se riuscirà a siglare una partnership con qualche casa automobilistica o se riuscirà a reperire i finanziamenti che le permettano di avviare la produzione in autonomia.

Lorenzo Briotti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook