Cani in macchina, c’è una novità: ora si possono lasciare anche se fa caldo (ma la funzione Tesla non ci rassicura)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La casa automobilistica Tesla ha lanciato da un po' una nuova modalità dog friendly sulle sue autovetture chiamata Dog mode. Questa intende garantire la sicurezza dei nostri cani quando sono a bordo da soli, ma era proprio il caso?

Si chiama Dog mode ed è la funzione sviluppata da Tesla e pensata per i nostri amici a quattro zampe a bordo e per i loro proprietari quando questi devono allontanarsi dal veicolo.

La multinazionale specializzata nella produzione di auto elettriche ha infatti lanciato una modalità in grado di controllare la climatizzazione e la temperatura all’interno della vettura. Il tutto per far sì che i cani possano attendere al fresco il ritorno dei loro umani.

Sullo schermo dell’auto compare anche una scritta “il mio proprietario tornerà presto. Non preoccuparti! La temperatura all’interno dell’auto è di..” per rassicurare eventuali passanti. Una tecnologia di tutto rispetto che tuttavia non può non sollevare alcune domande.

La prima riguarda il livello della batteria. Come Tesla riporta, la batteria deve essere superiore al 20% affinché il Dog mode possa essere attivato. E quando questa scende sotto tale soglia cosa succede? Il proprietario viene informato della situazione, ricevendo una notifica. Da quel momento in poi l’ambiente inizia via via a non essere più così fresco e, nei giorni roventi dell’estate, ciò rappresenta un rischio elevatissimo per gli animali.

Differenti esperimenti hanno dimostrato come la temperatura in una macchina esposta al sole schizzi in pochissimo sfiorando i 35° C e raggiungendo dopo soli 10 minuti gli ore 40° C. Un vero e proprio forno e una tortura per i cani lasciati chiusi nella vettura. (Leggi anche: Ti mostriamo quanto sia pericoloso lasciare un cane chiuso in auto con questo caldo)

C’è poi un’altra questione: il lasciare il cane in macchina da solo. Per quanto il servizio da fare possa essere breve, non possiamo mai avere la certezza che il nostro cane sia totalmente al sicuro in auto. Potrebbe succedere di tutto in quel frangente di tempo in cui l’animale non è supervisionato. Un malore nel cane o il furto della vettura con l’animale.

Tutti interrogativi che portano a chiederci se questa modalità, e la strada intrapresa da Tesla, sia davvero una opzione da valutare. Potrebbe esserlo, ma più che altro è a monte che dovrebbe avvenire il cambiamento. A cambiare dovrebbe essere l’accessibilità dei luoghi per consentire a tutte le famiglie con cani di portare sempre con sé, ovunque e senza alcune limitazioni i loro animali domestici.

Questo sarebbe realmente un passo avanti per tutti, auto Tesla o meno.

Fonte: Tesla/Youtube

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook