Aria condizionata in auto: è vero che rischiamo la multa se l’accendiamo?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se da qualche parte vi è capitato di leggere che utilizzare l'aria condizionata in macchina può costarvi una multa salata, sappiate che le cose non stanno esattamente così. La sanzione si rischia soltanto in un caso particolare

L’estate è ormai alle porte e il caldo ha iniziato a farsi sentire già da un po’. In auto le temperature possono diventare insostenibili (e chi è costretto a guidare per lunghi tratti, ad esempio in autostrada lo sa bene) e in certi casi è inevitabile ricorrere all’aria condizionata.

Nelle ultime settimane hanno cominciato a circolare articoli di giornale fuorvianti, nei cui titoli si lascia intendere che chi utilizza l’aria condizionata mentre è alla guida rischia una multa molto salata. È davvero così? La risposta è no. Ognuno è liberissimo di accenderla per rinfrescare l’abitacolo, senza limitazioni, quando si sta guidando.

Quando si rischia la multa

Il discorso cambia se ci si trova in sosta. In questo caso, se si viene beccati dalle forze dell’ordine, si può essere davvero multati con una sanzione che va da 223 euro a 444 euro. A stabilirlo è il comma 7-bis dell’articolo 157 del Codice della Strada, che recita:

È fatto divieto di tenere il motore acceso, durante la sosta del veicolo, allo scopo di mantenere in funzione l’impianto di condizionamento d’aria del veicolo stesso.

Questo perché l’aria condizionata non può essere utilizzata a motore spento. Una condizione che porta a incrementare il consumo di carburante e aumentare i livello di inquinamento atmosferico. Il divieto è infatti stato introdotto nel nostro Paese per combattere le emissioni e tutelare l’ambiente.

Se finora vi è capitato di farlo, sarebbe il caso di non ripetere questo errore che costa caro al Pianeta e può costare caro anche alle vostre tasche.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Codice della Strada 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook