Come pulire i vetri senza lasciare aloni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pulire i vetri è un fatto serio quasi quanto la manicure. Devono essere lucidi e tirati a nuovo (quasi) sempre e guai a chi lascia impronte o manate d’ogni sorta. E, soprattutto, gli aloni e le opacità devono essere ridotti al minimo, se non addirittura sgomberati del tutto dal proprio campo visivo.

Pulire i vetri, insomma, è una faccenda domestica cui dare il giusto peso nelle pulizie ordinarie e anche per la loro detersione è possibile agire in maniera efficace ed ecologica. Non tutti sanno, infatti, che il più delle volte l’opacità dei vetri è causata dall’impiego dei più comuni detergenti in commercio, i cui residui tendono ad raccogliersi sulla superficie dopo ogni uso.

Da qui si formano quei fastidiosi aloni sui quali, non c’è nulla da fare, cade sempre l’occhio. Come fare allora per pulire i vetri senza lasciare qua e là macchie non trasparenti?

Ecco 6 dritte essenziali per avere vetri splendenti:

Niente sole

Lo stratagemma numero uno? Evitare di pulire i vetri quando sono colpiti direttamente dai raggi solari, pena certi aloni da far paura.

Fogli di giornale

Nonna lo diceva sempre: sciacqua con un panno semplicemente bagnato d’acqua i vetri e poi asciuga con fogli di vecchi giornali. Vengono lucidi che è una bellezza, senza utilizzare spray o prodotti chimici dal costo eccessivo.

Acqua e aceto

Aceto mon amour! Mettete 100 millilitri di aceto per ogni 500 millilitri d’acqua (meglio se calda) e, con l’aiuto di un flacone spray e di un canovaccio morbido, applicate sui vetri poco liquido alla volta. L’aceto contribuisce a disinfettare le superficie e a rimuovere segni sui vetri e tracce di sporco senza dover risciacquare. Se volete un tocco di profumo, potrete aggiungere alla miscela alcune gocce di un olio essenziale.

Panno in microfibra

E, con esso, solo acqua. Strizzate bene e vedrete un risultato davvero spettacolare. Un buon panno in microfibra resistente permette di avere a disposizione uno strumento per la pulizia dei vetri duraturo sempre pronto all’uso, che consentirà di non sprecare salviette o panni usa-e-getta e di non dover acquistare detersivi. Ricordate, poi, che i panni in microfibra vanno lavati a mano con acqua tiepida o con l’aggiunta di un pochino di sapone naturale

Detergente fai-da-te

Vetri vivi verde Coop

Se avete in casa sapone liquido ecologico o delle scaglie di sapone naturale non vi sarà difficile ottenere in pochi minuti un detergente per i vetri. Anche poche gocce di detersivo per i piatti possono andar bene, sciogliendolo in un contenitore spray con acqua fredda o tiepida, o anche dell’acido citrico da diluire in acqua e detersivo ecologico per piatti.

ricarica multiuso

In alternativa, un valido alleato è il detergente vetri multiuso vivi verde Coop certificato Ecolabel EU, in grado di rimuovere tracce di unto e impronte senza lasciare aloni. La sua formula non contiene fosfati, ha tensioattivi ad elevato grado di biodegradabilità e il flacone è realizzato con il 30% di plastica riciclata. Ovvio che poi, una volta, finito, la cosa più economica e la scelta migliore è la ricarica.

Buone pulizie!

Post promosso da vivi verde Coop

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook