Lettiera per gatti: come tenerla pulita e profumata anche d'estate

Lettiera gatti

Come prendersi cura della lettiera del proprio gatto? Se durante tutto l’arco dell’anno è necessario cambiare e pulire a fondo la lettiera almeno due volte nella settimana, eliminando quotidianamente i grumi, in estate questa esigenza potrebbe divenire più frequente a causa del caldo che tende a inacidire ancora di più i cattivi odori.

Sappiamo bene, infatti, che i nostri mici amano la pulizia e poco sopportano i cattivi odori, tanto che potrebbero pensare, se dovessero accorgersi di olezzi poco gradevoli, di lasciare i loro bisogni in un altro posto della casa.

Per la loro igiene, quindi, e per la pulizia della casa, è utile sapere come tenere la lettiera pulita e profumata anche d'estate. Ricordatevi, in ogni caso, di non utilizzare mai prodotti potenzialmente tossici come la candeggina, poiché potrebbero essere dannosi e nocivi (anche) per il gatto.

Ecco 6 piccoli segreti per avere una lettiera pulita e profumata:

1. Cambiare e pulire a fondo la lettiera. Ciò significa che ogni giorno vanno rimossi i grumi e, quando sono presenti, le feci solide, in modo che il gatto possa continuare a usare la lettiera senza che la si sostituisca del tutto. In ogni caso, ricordatevi che la lettiera andrebbe sostituita completamente almeno due volte alla settimana, soprattutto in estate: svuotate la lettiera e smaltite il rifiuto secondo le istruzioni del prodotto utilizzato poi, prima di riempire di nuovo il contenitore, mettete sul fondo uno strato di bicarbonato di sodio che assorbirà i cattivi odori senza infastidire il gatto. Potreste cospargere il bicarbonato anche sulla superficie, in modo da prevenire gli odori sgradevoli

2. Anche l’aceto può essere utile per sconfiggere gli odori e tenere ben pulita la lettiera: ricoprite il fondo della lettiera con dell'aceto di vino bianco e fate in modo che copra anche gli angoli. Lasciate riposare per 30 minuti, poi svuotate e passatelo nel contenitore una spugna imbevuta di acqua calda. Asciugate con un panno pulito

3. Detersivo per piatti ecologico. Anche questo si può usare per facilitare la pulizia della vaschetta, aggiungendo all'acqua calda una piccola quantità di detersivo per piatti ecologico o anche del detersivo fai-da-te o del sapone naturale fatto in casa

4. Per disinfettare la lettiera in modo più profondo ed ecologico, non usate la candeggina ma piccole quantità di acqua ossigenata, da passare con una spugna sulla lettiera già risciacquata o da lasciare agire nel contenitore dopo averla diluita in acqua tiepida

5. La scelta della sabbietta. Per avere una lettiera sempre in ordine, fondamentale è scegliere una sabbia capace di assorbire bene liquidi e gli odori e che abbia un potere agglomerante, che raccolga cioè tutti gli scarti in palline e che non rilasci polvere.

6. La giusta lettiera. Tenete conto dell’impatto ambientale anche della vostra lettiera. Ogni anno in Italia, infatti, vengono consumate migliaia di tonnellate di lettiera tradizionale (fatta da roccia sbriciolata che viaggia anche per migliaia di chilometri) e che deve poi essere smaltita nel rifiuto indifferenziato.

lettiera viviverde

La scelta ideale è la lettiera vegetale agglomerante a base di orzo vivi verde Coop, che riduce il suo impatto sull’ambiente davvero al minimo: la materia prima proviene dagli scarti della lavorazione dell'orzo italiano, per cui è completamente biodegradabile , smaltibile insieme ai rifiuti umidi. Infine, l’aggiunta di lieviti naturali consente di ridurre gli odori sgradevoli. Con questa lettiera, in circa tre settimane di utilizzo, si producono rifiuti pari a solo 2,4 kg.

Come fare la pulizia completa della lettiera

Come dice la prima regola, occorre fare una pulizia a fondo due volte a settimana. Ma in che modo? Occorre per prima cosa gettare via tutta la sabbia e lavare bene la lettiera. Per la scelta del detergente, ricordatevi che i felini sono molto sensibili agli odori. Meglio evitare quindi la candeggina, che potrebbe allontanarli, e puntare invece su prodotti naturali.

Vi proponiamo due rimedi casalinghi:

Utilizzare acqua calda e sapone per piatti per pulire la lettiera a fondo e poi acqua ossigenata per disinfettarla e neutralizzare gli odori. Basta versarla su un panno pulito e dare una strofinata!

Versare l’aceto bianco direttamente sul fondo della lettiera e lasciarlo agire per almeno 30 minuti. Poi passare una spugna imbevuta di acqua calda.

Alla fine di queste operazioni, dopo aver atteso che il contenitore sia ben asciutto, si può procedere a versare un nuovo strato di sabbietta. Per la migliore prestazione di quest’ultima, si consiglia di creare uno spessore di 8 centimetri di prodotto. Il gatto infatti ama scavare e ricoprire bene i suoi escrementi e, così, il potere assorbente e deodorante delle sabbie in commercio potrà agire a dovere.

Articolo promosso da vivi verde Coop