Vegani: nel Regno Unito saranno il 55% della popolazione nel 2020?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I vegani del Regno Unito saranno oltre la metà della popolazione nel 2020. Parola degli organizzatori del Vegfest UK, il più grande festival vegano del Paese, che confidano nel fatto che l’attuale ondata di interesse sulla dieta vegan continui, fino a coinvolgere il 55% dei britannici.

Secondo Vegan Society, Vegetarian Society e Vegfest, il Regno Unito ha visto un significativo aumento, di ben il 40%, nell’interesse per la filosofia e l’alimentazione vegan, soprattutto grazie agli ultimi episodi di emergenze per la salute legate al consumo di carne, come lo scandalo della carne equina. Nel frattempo i cibi vegani sono diventati molto più facili da acquistare nei negozi, con prodotti di migliore qualità e un migliore rapporto qualità-prezzo.

Le persone sono a corto di scuse per non essere vegan! Ora è possibile trovare, oltre agli hamburger veg al 100% senza carne o alla veg salsiccia, sorprendenti formaggi vegan, gelati, cioccolato, torte, biscotti e dolci, pizze vegan, cheesecake vegan, yogurt vegan. Se siete disposti a guardarvi intorno un po’ o ad acquistare in un negozio on line, potete trovare ogni sorta di prelibatezze vegan”, spiega Tony Weston, autore del libro The Ultimate Book of Vegan Cooking.

La tendenza è dimostrata anche dai crescenti dati sulla Vegfest UK, dall’aumento del traffico di ben tre volte su facebook, youtube e sulle pagine del sito web, al numero record di voti ricevuti per il Vegfest Awards. Anche il numero di libri di cucina vegan venduti su Amazon e eBay è raddoppiato nell’ultimo periodo, sottolinenano gli organizzatori.

british vegan

“Il problema sta nel capire quanti nuovi vegani ci sono nel Regno Unito, ma mancano le statistiche. Un sondaggio DEFRA (2007) ha suggerito che i vegani erano il 2,2% della popolazione, mentre la Food Standards Agency (2004) parla di stime molto inferiori, con uno 0,5%. Noi pensiamo che sia giusto dire che ci sono stati almeno 1 milione di nuovi consumatori vegan dall’inizio di questa nuova ondata, iniziata nel giugno 2010 secondo Google”, aggiunge Tim Barford del Vegfest UK, sottolineando, però, che a livello commerciale c’è poca differenza tra chi fa acquisti vegan, ma in alcune situazioni sociali non è vegano, e chi è 100% vegan.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Giornata della Terra: 4 motivi per diventare vegani per l’ambiente

10 motivi per diventare vegani nel 2012

Eurispes 2013: Italiani odiano caccia e vivisezione. Aumentano i vegetariani e vegani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook