La bufala del salame verde (e la vera salumeria vegan)

In questi giorni circola sul web l’immagine dell’Insalame, un salume di lattuga, rucola e scarola. La foto però è una clamorosa bufala, mentre reale è che a Montemurlo ha aperto Vegan Delicious, la prima salumeria totalmente vegana d’Italia.

Il web non risparmia le prese in giro divertenti sul mondo dei vegani e dei vegetariani, ma stavolta l’idea che un comune salame di carne potesse trasformarsi in un prodotto veg aveva creato battibecchi senza fine. Ma l’Insalame è l’ennesima bufala che circola su Facebook, l’immagine è quella di un insaccato i cui colori sono stati modificati: dal rossastro al verde.

“A base di cicoria, lattuga, rucola, scarola, radicchio, valeriana, tarassaco e aglio. Il grasso è ottenuto dalla centrifugazione di pregiati oli vegetali e burro di nocciole salato”, questa la descrizione del fantomatico salame.

insalame vegan

Ma le alternative veg agli insaccati esistono, invece, negli scaffali di Vegan Delicious, la prima salumeria veg che ha aperto i battenti in provincia di Prato in Toscano, dove è possibile trovare i sostituti di cotolette, hamburger e tanto altro.

Cos’è Vegan Delicius? Un ex macelleria del paese convertita a laboratorio alimentare artigianale 100% vegetale, dove Fabio Messana sostituisce mucche, maiali, vitelli e polli con patate e barbabietole. Tutti i prodotti sono certificati e gli stessi fondatori dell’azienda sono vegani.

Una salumeria cruelty free che rispetta insomma gli animali e l’ambiente e che spopola tra chi non sceglie il veganesimo per moda. Cosa troviamo nel banco frigo?

“‘Gli Stagionati’ ovvero ortaggi speziati, insaccati e stagionati a lungo, ‘I Cotti’, cioè ortaggi e legumi sapientemente cucinati con i profumi dell’orto ed ‘I Freschi’, preparati fondenti a base di legumi, sono le tre linee di prodotti che coniugano l’innovazione cruelty free di Vegan Delicious con l’eccellenza gastronomica italiana tradizionale”.

Potrebbero interessarvi:

salumeria vegan

Insomma per dirla in parole povere, ci sono salumi e formaggi fatti di patate, barbabietole e finocchio e poi tutte le comuni spezie usate per insaporire i classici salami. Ancora le mozzarelle di soia.

L’obiettivo?

“Riconvertire uno spazio che era intriso di morte in un ambiente dove si respira la vita: un’azienda in cui non entrerà più alcun animale né derivato.”, chiosa Fabio Messana.

Vi invitiamo alla sfida dell’assaggio. Altro che salame verde!

Dominella Trunfio

Giornalista professionista, laureata con lode in Scienze Politiche e con un master in Comunicazione Pubblica e Politica. Vincitrice di due premi giornalistici per la realizzazione di due documentari. A settembre 2017 pubblica "Appunti di antimafia. Breve storia delle azioni della ‘ndrangheta e di quelli che l’hanno contrastata".
Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook