Pasqua cruelty free: un menu alternativo per salvare gli agnelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sacrificati in nome di una tradizione che li vede vittime di sontuosi pasti organizzati per festeggiare le ricorrenze pasquali. Sono le 900 migliaia di agnelli e capretti che in questo periodo, dopo essere stati strappati piccolissimi dalle loro mamme e trasportati in massa su camion per lunghi tratti, senza sosta, senza cibo ed acqua. Alcuni muoiono durante il viaggio, gli altri vengono uccisi barbaramente nei macelli. Succede ogni anno. Ma l’alternativa c’è ed è quella di scegliere di non mangiare la loro carne.

Questa “strage silenziosa che ogni anno balza in avanti nei periodi di dicembre, marzo e aprile, momenti clou delle festività e delle ricorrenze religiose, con una produzione maggiormente presente nelle regioni del Centro-Sud e soprattutto in Sardegna“, spiega la Lav, può essere infatti evitata se si sceglie un menu vegan alternativo. Come quello ideato dallo chef Giuseppe Capano e consultabile, disponibile sul sito www.cambiamenu.it, con tante idee “per tutti i gusti” per ricordare che è possibile celebrare la Pasqua senza esseri viventi nel piatto.

Scegliere un’alimentazione veg e portare a tavola i legumi, i cereali, la verdura fresca di stagione, è la ricetta migliore per celebrare le tradizioni, ma anche una cura preventiva per la nostra salute e senz’altro un modo sicuro per salvaguardare il nostro pianeta, se consideriamo che il 18% delle emissioni di Co2 è dovuto agli allevamenti“, spiega Paola Segurini, responsabile Lav Settore Vegetarismo. Ecco perché dire no alla strage degli innocenti.

Eppure, anche quest’anno un milione di giovani animali verranno uccisi in modo atroce, dissanguati e fatti a pezzi e i loro cadaveri verranno venduti a caro prezzo, rendendo responsabile di questa strage e di queste sofferenze coloro che la acquisteranno. Naturalmente il discorso vale per ogni periodo dell’anno, ma non festeggiate la Pasqua mangiando agnelli e capretti, non rendetevi complici di una tradizione crudele e superata, che non ha alcun fondamento in prescrizioni religiose. Perpetrando questa anacronistica usanza, toglierete la vita ad animali in tenera età, ancora lattanti, di cui forse non tutti conoscono l’estrema dolcezza, intelligenza e vitalità.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook