Le polpette svedesi di IKEA vegetariane contro i cambiamenti climatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Affrontare il cambiamento climatico… una polpetta alla volta. Anche Ikea, infatti, ha capito (e ammesso) lo stretto legame che c’è tra riscaldamento globale, inquinamento e produzione di carne. Per questo, ha scelto di strizzare l’occhio ai vegetariani, annunciando una versione vegetale delle sue classiche polpette, diventate uno dei simboli del famoso scandalo della carne di cavallo.

Ammettiamolo pure, una delle principali ragioni per cui le persone visita un negozio IKEA è anche l’opportunità di concedersi un piatto di deliziose polpette svedesi. Il fai da te può aspettare. Ma se la coscienza ambientale e l’etica vi impongono di non mangiare carne, sareste davvero felici di poter trovare un’alternativa veg alle polpette classiche nei ristoranti del colosso dell’arredamento? Il rischio, in effetti, è quello che i consumatori attenti all’ambiente e agli animali si possano sentire un po’ presi in giro.

E soprattutto: è sufficiente presentare anche questa alternativa, pur mantenendo l’iconico piatto originale, per ridurre davvero le emissioni di carbonio? Le polpette, in effetti, sono attualmente l’elemento meno ecologico sul menu Ikea, a causa delle elevate emissioni di carbonio del processo di allevamento dei bovini e delle loro emissioni di metano.

Lo ha ammesso, parlando a un evento per celebrare il lancio dell’ultima relazione del Panel on Climate Change, Joanna Yarrow, responsabile della sostenibilità di IKEA. Il gigante svedese, che vende l’incredibile cifra di 150 milioni di polpette ogni anno, contribuisce effettivamente a distruggere il pianeta anche per via di questo prodotto.

“Il metano … siamo consapevoli del legame tra carne e gas a effetto serra. Stiamo esaminando tutti i nostri prodotti alimentari dal punto di vista della sostenibilità, specificamente le polpette. Sono molto popolari e sono anche il nostro alimento con più alta intensità di carbonio sul nostro menu”, ha spiegato la responsabile.

Se qualcuno ha pensato bene di risolvere il problema catturando il metano con un orribile zainetto collegato allo stomaco della mucca, la catena svedese vuole tentare un’altra strada. Un portavoce di Ikea conferma: “Continueremo a vendere le polpette classiche. Tuttavia, forniremo alternative con emissioni inferiori. Polpette di pollo e polpette vegetariane sono in fase di sviluppo”.

Ben fatto Ikea? Certamente una maggiore sostenibilità, oltre che per l’energia rinnovabile utilizzata (e venduta) nei negozi e nelle campagne per utilizzare meno energia nelle case, passa anche per il cibo. Ma se si continuano a vendere le polpette di carne ci semba difficile che il contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici possa essere importante.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Ridurre il consumo di carne e formaggio l’unico modo per ridurre i cambiamenti climatici

Carne di cavallo: nessuna traccia nelle polpette Ikea in Italia

I pannelli fotovoltaici in UK e Irlanda si comprano all’IKEA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook