A parità di calorie quale dieta inquina meno? Il nuovo studio tutto italiano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Dieta onnivora, vegetariana e vegana a confronto: quale ha maggiore impatto ambientale? Una ricerca tutta italiana le mette a confronto.

Dieta onnivora, vegetariana o vegana? Ancora una volta si cerca di capire quale sia la più sostenibile per il nostro pianeta. Ecco i risultati dello studio sull’impatto ambientale delle diete a cura dell’Università di Parma.

Rivedere le nostre abitudini alimentari potrebbe essere un tassello fondamentale da tenere in considerazione nell’ambito di una più complessa azione per arginare inquinamento atmosferico e cambiamenti climatici. Ma quale dieta sarebbe meglio seguire se abbiamo a cuore il nostro pianeta? Questa volta prova a fare chiarezza il gruppo di Nutrizione Umana del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’Università di Parma che ha messo a confronto le 3 diete più seguite al mondo: onnivora, vegetariana e vegana.

Per valutare l’impatto ambientale delle diete, il team di ricerca ha valutato il consumo settimanale di 153 persone (51 onnivori, 51 vegetariani e 51 vegani) calcolando i dati medi giornalieri nutrizionali e ambientali (sono stati considerati il carbon footprint, il water footprint e l’ecological footprint ovvero l’emissione di gas serra, il consumo idrico e l’impronta ecologica).

Si è visto così che, a parità di calorie, l’impatto ambientale era decisamente diverso, in particolare quello degli onnivori.

I risultati

Il risultato dello studio pubblicato su Scientific Reports non ci sorprende, è la dieta onnivora ad avere il massimo impatto ambientale:

“la scelta onnivora ha generato la maggiore impronta ecologica rispetto alle altre, con più elevate emissioni di carbonio e maggiore spreco di acqua”

Quello che probabilmente non ci aspettavamo, però, è invece il sostanziale pareggio tra la dieta vegetariana e dieta vegana. Quest’ultima infatti, proprio perché completamente vegetale, dovrebbe essere (almeno in teoria) quella che “pesa” meno sull’ambiente.

In realtà, a detta dei ricercatori, va considerato che i vegani spesso consumano alimenti trasformati le cui materie prime provengono da lontano (pensiamo ad esempio ai burger di soia e ai tanti altri cibi confezionati che troviamo al supermercato). L’impatto di questi prodotti, alla fine, equivarrebbe a quello dei derivati animali che consumano regolarmente i vegetariani.

diete confronto tabella

Environmental footprints: Daily carbon (a), water (b), and ecological (c) impacts expressed as average of 7-d food records (grams of CO2 equivalent/d, litres of H2O/d, and square meters of land/d, respectively).

Foto: nature.com

Sull’argomento diete, cibo e impatto ambientale potrebbe interessarvi anche:

Una ricerca di qualche anno fa era arrivata alla stessa conclusione riguardo alla dieta onnivora ma riteneva invece la dieta vegana quella con minor impatto ambientale. Eliminando o limitando il consumo di alimenti vegetali trasformati si avrebbero risultati ancora migliori?

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook