vegetarianiPaul McCartney, appena qualche settimana fa, suggeriva di diventarlo almeno un giorno a settimana in nome dell'ambiente, ma a quanto pare, essere vegetariani non solo contribuirebbe a ridurre le emissioni di gas nocivi degli allevamenti di bovini, ma anche l'insorgenza di molti tumori, in particolar modo quelli al sangue, alla vescica e allo stomaco.

La conferma scientifica di quella che fino a ieri era solo una percezione e che da oggi diventerà un piccolo vanto per di chi nella vita ha fatto la scelta di eliminare la carne dalla propria alimentazione, arriva dall'Inghilterra e nella fattispecie dallo studio pubblicato sul British Journal of Cancer. Si tratta dei primi risultati dell' "European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition", un progetto internazionale a lungo termine cominciato nel 1997, che verrà portato ancora avanti ad Oxford e in altri centri di ricerca sul cancro. In 12 anni sono state osservate 61.566 persone nel Regno Unito suddivise in tre gruppi: chi mangiava carne, chi mangiava pesce (ma non carne) e chi non mangiava né l'uno e né l'altro.

La conclusione alla quale si è giunti è che tra i carnivori il 33 % si ammalerà di cancro nel corso della vita, mentre tra i vegetariani il rischio scende al 29%: 4 punti percentuali che corrispondono al 12% in meno di probabilità di contrarre la malattia. Questo in generale, perché prendendo in considerazione le diverse tipologie di cancro, i vegetariani sono risultati particolarmente protetti sul fronte dei tumori al sangue e ai linfonodi dove la probabilità scende addirittura del 75% nel caso del mieloma multiplo. Per chi esclude la carne, dimezzato il rischio di cancro alla cervice e un terzo in meno di probabilità di ammalarsi di tumore allo stomaco. Ma attenzione perché la dieta vegetariana non limita, anzi sembra quasi far aumentare, il rischio di tumore al colon-retto e alla cervice dell'utero che colpisce in misura doppia i vegetariani rispetto ai mangiatori di carne.

Nonostante la grande portata di questi risultati, soprattutto perché raggiunti con un così vasto campione e in un così ampio arco di tempo, dagli stessi ricercatori arriva l'invito alla cautela: "Al momento si tratta solo di un primo studio che non ci permette di trarre conclusioni definitive e di consigliare a tutti di abbandonare la carne e adottare una dieta vegetariana", commenta il professor Tim Key, coordinatore della ricerca.

"Sono dati significativi - ci tiene a precisare in un intervista al Garden di Londra la dottoressa Naomi Allen, ricercatrice del Cancer Research della Oxford University e co-autrice del rapporto - anche se vanno presi con un po' di cautela poiché si tratta del primo ampio studio di questo genere in materia. Abbiamo bisogno di farne altri e di saperne di più. Per esempio dobbiamo scoprire quale aspetto di una dieta a base di verdura, frutta e pesce protegge dal cancro. E dobbiamo stabilire quanto influisce positivamente una dieta vegetariana, così come quanto influisce negativamente una a base di carne".

Un'ulteriore conferma, dunque che, anche se complessa e ancora tutta da analizzare, esiste una correlazione tra alimentazione e cancro. In attesa di saperne di più, il consiglio rimane sempre quello: più verdura e meno carne per tutti. Per la propria salute e quella del Pianeta.

Simona Falasca



forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram