dieta-vegana-bambini

Si torna a fare polemica sulla dieta vegana e in particolare sul dubbio che questo regime alimentare possa o meno essere seguito anche dalle donne in gravidanza e dai bambini piccoli. A rilanciare l’argomento è stato questa volta un dossier presentato al congresso della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale.

Secondo gli esperti della SIPPS nessun pediatra dovrebbe consigliare una dieta vegana nei primi anni di vita e anche sulla dieta vegetariana sono state espresse alcune perplessità. Si tratterebbe infatti di un’opzione fattibile solo in caso si faccia il giusto uso di latte, uova e alimenti fortificati con vitamine e sali minerali carenti in questo tipo di dieta (in particolare vitamina B12 e ferro) oltre che Omega 3. Il tutto dovrebbe essere fatto ovviamente evitando il fai da te ma rivolgendosi ad uno specialista.

Per arrivare a sostenere che le diete vegetali sono inadeguate in fasi tanto delicate della vita delle donne e dei bambini piccoli, i pediatri, riuniti in congresso a Mestre, hanno fatto un lavoro di revisione di oltre 120 studi internazionali sull’argomento. Secondo gli esperti questi regimi alimentari, che limitano o eliminano del tutto i derivati animali, sarebbero inadeguati al corretto sviluppo del bambino a livello neurologico, psicologico e motorio proprio a causa del rischio di carenze di alcuni micronutrienti importanti poco o per nulla presenti in questo tipo di diete. Si continua a consigliare dunque la dieta mediterranea, considerato lo stile alimentare migliore per i bambini ma anche per gli adulti.

Affermazioni molto forti che ovviamente hanno scatenato reazioni da parte delle famiglie che crescono figli vegetariani e vegani e della Società scientifica di nutrizione vegetariana (SSNV) che ha risposto all’attacco.

La risposta della Società scientifica di nutrizione vegetariana

In un comunicato stampa la SSNV risponde in maniera molto chiara: 

“Chi si scaglia contro le diete vegetariane in gravidanza e infanzia fa fare passi indietro sulla via del progresso scientifico e della corretta informazione. (…)Il documento SIPPS non è congruente con le posizioni ufficiali espresse, da decenni, da importanti associazioni scientifiche e nega l'evidenza di migliaia di bambini vegetariani, nati da madri vegetariane (tra cui molti vegani) in ottima salute.”.

Secondo gli esperti della Società scientifica vegetariana il position paper della SIPPS sbaglia completamente prospettiva analizzando diete vegetali che non sono affatto quelle seguite dai tanti vegetariani e vegani ben informati che pianificano la propria alimentazione in maniera ottimale nella maggior parte dei casi con l’aiuto di un esperto.

Si definiscono infatti le diete veg come regimi alimentari che escludono categorie di alimenti dimenticando però che in realtà si introducono gli alimenti fondamentali proprio della dieta mediterranea consigliata dai pediatri: vegetali crudi e cotti, cereali (meglio se integrali o semintegrali), legumi e derivati, semi oleaginosi, frutta secca e grassi vegetali. I nutrizionisti e specialisti in alimentazione vegetale consigliano poi sempre l’assunzione di un integratore di vitamina B12 da sintesi batterica e giustamente ricordano che una carenza di vitamina B12 è frequente anche tra gli onnivori.

Chi segue una dieta vegana o vegetariana ben pianificata, poi, non è affatto carente di ferro e Omega 3. Diverso il discorso per la vitamina D che, come sottolinea la SSNV, si ricava solo in minima parte dalla dieta e quindi, in caso di carenza, va assunta attraverso integratori indipendentemente dal regime alimentare che si segue.

Si ribadiscono inoltre autorevoli posizioni di Società scientifiche internazionali sulla possibilità di seguire una dieta a base vegetale in gravidanza e per i bambini. L’American Academy of Pediatrics lo scorso agosto, in un documento ufficiale firmato dal suo Presidente, si è fatta portavoce del fatto che una dieta vegan pianificata in maniera corretta è adatta ad assicurare una vita sana ad ogni età.

C’è poi l'Academy of Nutrition and Dietetics a sostenere che:

"le diete vegetariane, comprese le diete vegane, adeguatamente pianificate sono salutari, (...) possono conferire benefici per la salute (...) sono appropriate per individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia"

Ci sono poi le esperienze concrete: molti i bambini che, anche nel nostro paese, sono cresciuti seguendo una dieta vegetariana o vegana fin dalla nascita e dal concepimento. Sono loro la prova vivente che la SIPPS ha preso un abbaglio?

Francesca Biagioli

Leggi anche:

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog