Vegetariani e vegani dimagriscono più facilmente (e senza contare le calorie)

dieta vegetariana vegana dimagrire

Vegani e vegetariani dimagriscono più facilmente degli altri? Secondo uno studio scientifico preliminare è proprio così. Seguire una dieta vegetariana o vegana ha permesso a un gruppo di persone sotto osservazione di perdere più peso rispetto a chi seguiva una dieta differente e doveva porre attenzione al conteggio delle calorie.

I risultati dello studio sono stati presentati nel mese di novembre, in occasione dell'Obesity Week, che si è svolta ad Atlanta. Le diete vegetariane e vegane sono state prese in considerazione come possibile soluzione all'obesità e al sovrappeso. Gli esperti hanno osservato che le persone a cui era stato richiesto di seguire un'alimentazione vegetariana o vegana sono dimagrite più facilmente degli altri, ottenendo risultati migliori.

Lo studio pilota in questione si è svolto lungo 8 settimane e ha preso in considerazione 5 approcci alimentari differenti: vegano, vegetariano, pescetariano, semi-vegetariano e onnivoro. Hanno preso parte allo studio 63 soggetti adulti affetti da obesità o sovrappeso. Tutti gli schemi alimentari previsti erano incentrati su alimenti poveri di grassi e a basso indice glicemico.

Le percentuali della perdita di peso sono risultate ben diverse in base alle categorie: -4,8% per i vegetariani e i vegani, .4,3% per i pescetariani, -3,7% per i semi vegetariani e -2,2% per gli onnivori. Le motivazioni per la maggiore perdita di peso da parte di vegetariani e vegani dovranno ancora essere approfondite.

Gli esperti hanno comunque sottolineato che la dieta vegana risultava la meno ricca di grassi saturi. Inoltre, i partecipanti che hanno seguito le diete vegetariane e vegane avrebbero introdotto una quantità inferiore di calorie nei propri pasti, sentendosi comunque sazi. Seguire una dieta vegetariana o vegana, a parere dei ricercatori e secondo i primi risultati, aiuterebbe a perdere peso senza affannarsi riguardo al conteggio delle calorie.

Secondo il dottor Turner-McGrievy, i regimi dietetici che si basano sulle restrizioni caloriche e i programmi per la perdita di peso che prevedono il conteggio delle calorie sono difficili da seguire per i pazienti, poiché richiedono un auto-monitoraggio continuo delle proprie scelte di alimentazione. Di conseguenza, si rischia di non rispettare del tutto regole e calcoli.

La perdita di peso nei soggetti vegetariani e vegani che hanno preso parte allo studio è avvenuta senza enfatizzare le restrizioni caloriche. Per questo motivo, a parere dei ricercatori, le diete vegetariane e vegane sarebbero più semplici da seguire, anche sul lungo periodo.

Secondo il dottor Adam Tsai, il presente studio pilota potrebbe avere risvolti positivi importanti per coloro che faticano a ridurre le calorie per dimagrire; a suo avviso, i risultati ottenuti mostrano che la perdita di peso può essere raggiunta proprio seguendo schemi alimentari vegetariani e vegani, che non si focalizzino sulla restrizione calorica. Gli esperti prevedono di approfondire i risultati ottenuti e di valutare gli effetti a lungo termine delle diete seguite dai pazienti.

Lo studio pilota, condotto da Brie Turner-McGrievy, porta il titolo di "How Plant-Based Do We Need to Be to Achieve Weight Loss? Results of the New Dietary Interventions to Enhance the Treatments for Weight Loss (New DIETs) Study". Per approfondimenti, rimandiamo al sito web della Obesity Society, che ha pubblicato l'abstract della presentazione dei risultati.

Un incentivo in più per diventare Veg?

Marta Albè

LEGGI anche:

10 motivi per diventare vegani