Vegetariani e celiachia

Vegetariani e celiaci, un binomio possibile? Che cos'è la celiachia e ne conosciamo veramente gli effetti? È conciliabile con la dieta vegetariana? A queste domande hanno provato a rispondere oggi, al Festival vegetariano di Gorizia, Stefano Martelossi, medico, responsabile di gastroenterologia e nutrizione alla clinica pediatrica «Burlo Garofolo» di Trieste, e Paolo Bianchini, biologo nutrizionista di Perugia.

Delle decine di persone presenti all'incontro, soltanto due si sono dichiarate celiache e ciò ha reso particolarmente utile l'intervento esplicativo del dott. Martelossi. Che cosa sono la celiachia, il glutine e perché l'uomo lo consuma se può recargli danno? «Il glutine, parte proteica del frumento, non è indispensabile per l'alimentazione. Tuttavia – illustra Martelossi – permette un'ottima lievitazione del pane». Le immediate conseguenze fisiologiche per le persone affette da celiachia sono gravi: accorciamento dei villi intestinali e malfunzionamento dell'intestino, che porta a gonfiore e diarrea.

LEGGI anche: Diarrea: 10 alimenti benefici

«Non è affatto semplice – aggiunge Martelossi – per un celiaco mantere una dieta priva di glutine, ancor prima che una dieta vegetariana o vegana». Infatti oggi giorno la celiachia è senza dubbio diventata una «malattia sociale», oltre che una patologia personale. È frequente, richiede una dieta rigorosa per tutta la vita e ha un forte impatto sociale: «Tutti noi socializziamo ogni giorno attraverso il cibo e il glutine è presente negli alimenti di base come pane, pasta, biscotti. Il glutine inoltre può avere un forte valore simbolico: la spiga di grano è il simbolo della fertilità, mentre l'ostia per la comunione contiene glutine. Un celiaco deve rinunciarvi totalmente. Non è facile da accettare».

celiaci

«La dieta vegetariana – interviene Bianchini – può essere benefica anche per il celiaco: l'esclusione della carne, oltre che dei cereali, può portare alla scoperta di una enorme varietà di altri alimenti. Sia quelli naturalmente privi di glutine, sia quelli in cui il glutine è stato sostituito». Conoscere esattamente gli alimenti che un celiaco può consumare o meno diventa fondamentale. Esistono diversi cibi che contengono glutine anche se all'apparenza ne sono privi: formaggi spalmabili, hamburger, salsa di soia, ketchup, patatine e altri ancora. Per contro, molti altri prodotti alimentari che parrebbero contenere glutine in realtà ne sono privi: glutammato, coloranti, destrosio, maltodestrine, superalcolici. «Tuttavia – aggiunge Bianchini – a mio parere questi alimenti non andrebbero consumati in ogni caso, a prescindere dal glutine. In molti casi sono dannosi per la nostra salute e andrebbero esclusi dalla dieta. Di qualsiasi dieta si tratti».

Lorenzo Alberini

LEGGI anche:

Celiachia: il Parlamento europeo la delcassa: meno tutele per i celiaci

Celiachia: in aumento i casi in tutta Italia

Pasta madre senza glutine: come prepararla e come conservarla

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram