Tacos Fusion: carne di leone nel menu

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“Un tocco esotico alla cucina tex- mex”. È questa la promessa del Taco Fusion, il ristorante messicano di Tampa, in Florida, finito nell’occhio del ciclone per proporre nel suo menu insolite carne di animali esotici e selvatici, come struzzi, cammelli, bisonti. O lontra, gazzella, castoro, serpente a sonagli, canguro. E, da poco, anche carne di leone.

Non importa, infatti, che questo animale sia in pericolo di estinzione: in effetti è legale vendere e mangiare carne di leone negli Stati Uniti. Gli americani sembrano pure gradire l’offerta “esotica” e il ristorante gode di successo e popolarità, tanto che è stato costretto ad avvisare i clienti che le sue carni sono disponibili in quantità limitata e ai prezzi di mercato. Per il leone, questo si traduce in 34,99 dollari per ogni taco, molto costoso rispetto a opzioni più economiche come canguro o di struzzo, che costano entrambe 13,99 dollari.

Chi decide quali animali sono degni di essere mangiati e quali no? Il motivo è che un leone è “maestoso” e quindi non utilizzabile per il consumo di carne? Allora qual è la lezione? Che solo chi è “maestoso” deve essere trattato bene e i brutti vanno al macello? Quanto suona ridondante e stupido questo ragionamento?”, spiega il ristorante, aggiungendo chela sua carne di leone proviene da un fornitore affidabile dell’Illinois.

taco fusion2

Photo credit

Ma, fortunatamente, il consenso non è stato affatto unanime. Centinaia, migliaia di critiche sono piovute sul Taco Fusion. Nell’era del web 2.0, il teatro delle critiche sono stati blog, siti e social network. Soprattutto twitter, dove gli utenti hanno mitragliato l’account @TacoFusion: “siete disgustosi. Vergogna per voi e per chi distruggere il nostro pianeta”, scrive un utente. Brad Barnett, direttore del ristorante, risponde a tono, consigliando a coloro che non concordano di non mangiare i suoi piatti… come se servire specie animali in via di estinzione per profitto sia normale.

Clicca qui per firmare la petizione contro il ristorante

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook