I ristoranti di Jon Bon Jovi dove chi ha bisogno può mangiare senza pagare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutti conosciamo Bon Jovi per la sua musica ma pochi sanno che il cantante è anche un attivista e promotore di un progetto sociale molto interessante noto come Soul Kitchen. Di cosa si tratta? Di  ristoranti aperti a tutti dove chi ha bisogno può mangiare senza pagare in cambio di un piccolo aiuto.

Del progetto Soul Kitchen che porta la firma di Jon Bon Jovi vi avevamo parlato già nel 2011 quando il cantante aprì il primo ristorante. Adesso i locali sono diventati 2 (entrambi nel New Jersey, il secondo si trova vicino al fiume Toms, un’area colpita dall’uragano Sandy nel 2012) e sono molto frequentati e apprezzati tanto da aver già servito oltre 100mila pasti (attualmente sono 105,893 per la precisione!).

Ma cosa hanno di speciale questi ristoranti? Si caratterizzano per essere dei community restaurant che offrono menù con piatti senza prezzo. L’idea è quella che le persone che hanno risorse paghino mentre chi non ha soldi può mangiare ciò che vuole in cambio di un piccolo contribuito o, se non si può permettere nulla, di un aiuto in cucina o negli orti e dove si coltivano la maggior parte degli ingredienti.

Secondo il sito web di Soul Kitchen, il 54% dei pasti serviti è stato finanziato da donazioni, mentre il resto attraverso attività di volontariato.

Anche i camerieri e lo staff dei ristoranti non sono professionisti ma volontari o, appunto, persone che non hanno grandi disponibilità economiche e che si sono messe a disposizione del locale in cambio dei pasti. Il motto dei ristoranti non a caso è, oltre a Hope Is Delicious, Tutti sono i benvenuti alla nostra tavola scritto anche sui grembiuli e le magliette che indossa lo staff.

È vero che si tratta di un progetto di solidarietà, ma ciò non significa che il ristorante non offra prodotti di qualità. Al contrario, il menu è composto da antipasto, piatto principale e dessert in cui vengono utilizzati ingredienti biologici. Ed esiste anche una versione vegetariana o vegana.

Tra l’altro può capitare di assaggiare piatti cucinati dallo stesso Jon spesso presente nei ristoranti.

Oltre a servire cibo, però, i due locali offrono anche altri servizi come una scuola di cucina, doposcuola per i bambini che ne hanno bisogno e un centro di consulenza e formazione professionale per tutte le persone che hanno problemi burocratici, di gestione della propria salute o altro.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook