testecalde2

Pochi – ma buoni – ingredienti e una giusta ricetta hanno dato vita alle testecalde, dieci ragazzi diversamente abili inseriti del mondo del lavoro. Hanno aperto da appena un paio di giorni ma stanno già facendo impazzire i social e il web.

Il merito è della loro nuova pizzeria-spaghetteria- ristorante, che si chiama, appunto, 'Testecalde'. Si trova a Rutigliano, nel Barese, ed è frutto della collaborazione tra la cooperativa 'Dis-Abilità e Lavoro', la Comunità di Sant'Egidio e le aziende del settore gastronomico Birra Peroni e Divella.

Il locale consente a 10 persone disabili, aiutati da volontari e professionisti del settore, di acquisire una preparazione completa e di livello. L'accompagnamento formativo permette loro di entrare nel mondo del lavoro gradualmente, per farne dei veri professionisti.

testecalde

testecalde3

L'iniziativa è gemellata con la storica "Trattoria de Gli Amici" di Trastevere a Roma, una iniziativa promossa dalla Comunità di Sant'Egidio e attiva da oltre 10 anni, e mira ad accrescere le capacità, le conoscenze e le abilità professionali dei ragazzi e delle ragazze disabili e a favorirne l'inserimento lavorativo nel settore della ristorazione, in forma stabile o attraverso tirocini formativi.

"Dal servizio ai tavoli alla spillatura delle birre al bancone al 'Testecalde' i giovani impareranno il mestiere nella ristorazione - un settore molto vivo nonostante la crisi – con cui crescere e diventare autonomi" sostiene Michele Tatone Direttore Vendite sud Italia di Birra Peroni.

Il progetto nasce dal cuore di chi, da anni, è al fianco di bambini e ragazzi con disabilità attraverso tre centri diurni presenti sul territorio impegnati in attività ludiche e terapeutiche e supportato da chi spera che con il proprio aiuto si possa contribuire a migliorare il cammino riabilitativo e di integrazione sociale di molti giovani diversamente abili e delle loro famiglie, con la speranza di creare anche occupazione.

"Siamo molto contenti di collaborare in qualche modo alla nascita di "Testecalde" a Rutigliano - ha dichiarato Stefano Carmenati, Amministratore della Comunità di Sant'Egidio, l'esperienza e il successo della nostra "Trattoria de Gli Amici" a Roma, mostrano come l'inserimento al lavoro di persone con disabilità nel mondo della ristorazione non sia un peso o un problema, ma un valore aggiunto e una grande opportunità per tutti. Possiamo dire che è stata una sfida vinta. Siamo davvero contenti che altri amici inizino con noi questa avventura e auguriamo loro un grande successo".

Contro la discriminazione e l'esclusione sociale, uno slogan tutto gastronomico: "5 cose che una pizza non farà mai: lasciarti, chiamarti stupido, rifiutarti, maltrattarti, insultarti". Pronti per andare a trovarli? In fondo... siamo tutti Testecalde!

Roberta Ragni

Leggi anche:

TerraForm: l'orto a portata delle persone disabili

Locanda dei Girasoli: a rischio chiusura il ristorante gestito da ragazzi down

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram