Puddhrica salentina di Pasqua (la ricetta con Pasta Madre)

La puddhrica è un lievitato che si prepara a ridosso del periodo Pasquale in tutta la penisola salentina. Ogni famiglia salentina ha la propria ricetta tradizionale e i fornai di tutte le città preparano la puddrhica sia in versione dolce che in versione salata. Conosciuto anche con nome differenti, nel brindisino ad esempio è chiamato puddica, questo preparato da forno fa parte della tradizione culinaria salentina davvero da tantissimo tempo.

Le origini di questa tradizione sono diverse, ma quella più attendibile è che la puddhrica venisse considerata un simbolo di pace e quindi fosse in netta relazione con il significato della Pasqua Cristiana.

La puddhrica, seppur chiamata con nomi differenti e preparata con diverse ricette, mantiene in ogni dove la propria forma. L’impasto della puddhrica viene infatti intrecciato e lavorato in modo che possa custodire al suo interno un uovo sodo, quasi a diventare uno scrigno.

La puddhrica può essere consumata durante la colazione il giorno di Pasqua o può essere anche una pietanza del pic nic di Pasquetta.

Se avete poi problemi di intolleranze, potrete sostituire il latte vaccino con del latte vegetale; per esperienza personale vi consiglio di utilizzare il latte riso/soya, questo infatti non altera con il suo sapore la sapidità della puddhrica.

Ingredienti

  • 250 gr di farina 1
  • 35 gr di olio evo
  • 50 gr di latte parzialmente scremato o riso/soia
  • 1 uovo medio (52 gr sgusciato)
  • 50 gr lievito madre
  •  latte aggiuntivo q.b.
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 40 gr di burro morbido
  •   3 uova sode

  • Tempo Preparazione:
    20 minuti circa
  • Tempo Cottura:
    20 minuti
  • Tempo Riposo:
    20 ore di lievitazione
  • Dosi:
    per 3 puddhriche
  • Difficolta:
    Media

Procedimento per la puddhrica

  • Scaldare il latte fino a farlo diventare tiepido e sciogliere al suo interno la pasta madre e lo zucchero di canna; per facilitare questa operazione è consigliabile sfregare con i polpastrelli il lievito.
  • Porre la farina in una ciotola capiente e versare al suo interno anche il latte con lo zucchero e il lievito.
  • Iniziare ad impastare a mano o con una impastatrice ed incorporare in seguito anche l’olio.
puddhica 1
  • A totale assorbimento dell’olio aggiungere anche l’uovo e continuare ad impastare.
  • Lavorare il composto impastandolo energicamente fin quando non diverrà liscio e non appiccicoso.
  • Formare quindi un panetto, porlo in una ciotola e coprirlo con della pellicola alimentare a contatto, evitando così che si formi in superficie la crosticina.

puddhica 2

  • Lasciar lievitare lontano da correnti d’aria per un’ora, quindi riporlo in frigorifero per circa dodici ore.
  • Durante questo tempo l’impasto della puddhrica lieviterà lentamente e così la maturazione e la lievitazione andranno di pari passo, rendendo questo lievitato ancora più buono e digeribile.
  • Trascorse le ore di lievitazione in frigorifero, estrarre l’impasto e farlo intiepidire a temperatura ambiente, quindi impastarlo nuovamente.
  • Coprirlo con la pellicola alimentare ed attendere il raddoppio del suo volume.
  • puddhica 3
  • Procedere ora alla piegatura dell’impasto in modo da avere una perfetta tenuta della forma che gli si darà a seguire:
  • Porre il panetto su un piano di lavoro leggermente infarinato, sgonfiarlo con i polpastrelli dandogli una forma rettangolare, e piegare verso l’interno prima il lato sinistro, poi il destro, e poi le due estremità; coprire con una ciotola e lasciar riposare per quindici minuti.

puddhica 4

  • Spianare ora l’impasto con una mattarello fino ad ottenere una sfoglia spessa un paio di millemetri e tagliare nove strisce larghe circa due centimetri cadauna.

puddhica 5

  • Intrecciare tre strisce alla volta, chiuderle come fossero un bracciale e con un tagliapasta ricavare anche tre dischetti.
  • Adagiare le trecce su ogni dischetto pressando internamente l’impasto in modo da farle aderire e porvi al loro interno le uova sode.

puddhica 6

  • Adagiare ogni puddhrica su una teglia foderata da carta forno.
  • Inumidire esternamente ogni puddhrica appena formata con del latte e far lievitare in forno spento con lo sportello chiuso per un’ora.

puddhica 7

  • Terminata l’ultima ora di lievitazione cuocere in forno caldo a 180° per circa venti minuti.

puddhica 8

  • A cottura ultimata sfornare e far raffreddare su una gratella.

26b

La puddhrica, a fine cottura, dovrà risultare ben dorata.

Ilaria Zizza

Coop

Coop pianta più di 6.000 alberi per la campagna M’Illumino di meno 2020

Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Sorgente Natura

Pasta: come scegliere la migliore (non solo di grano duro)

Coop

Non solo dal contadino, si può scegliere etico anche al supermercato

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook