Pitta salentina: la ricetta tradizionale in versione vegan (senza latte e alici)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pitta salentina, la ricetta in versione vegana di un piatto tipico del tacco d’Italia a base di patate e farcita con un ripieno dal gusto mediterraneo di cipolle e olive Leccine (e alici nella ricetta tradizionale). Da proporre come piatto unico o anche fra gli antipasti in piccoli porzioni, può essere servita ancora calda o a temperatura ambiente.

Da preparare con pochi e semplici ingredienti, la ricetta originale prevede l’uso di latte vaccino nell’impasto e di alici nella farcitura. La nostra ricetta invece è preparata in versione vegana, abbiamo infatti sostituito il latte con del buon olio extra vergine d’oliva e abbiamo omesso il pesce.

Ingredienti

  • Tempo Preparazione:
    60 minuti circa
  • Tempo Cottura:
    30 minuti circa
  • Tempo Riposo:
  • Dosi:
    per 4 persone
  • Difficoltà:
    bassa

Come preparare la pitta salentina: procedimento

  • Lavare e sbucciare le patate, tagliarle in quattro pezzi e metterle in una pentola piena d’acqua, regolare di sale, portare a bollore e cuocere fin quando non si infilzeranno facilmente con una forchetta,
  • toglierle quindi dall’acqua, schiacciarle fino a farne una purea e metterle a raffreddare.
pitta 1
  • Nel frattempo sbucciare le cipolle e affettarle e metterle in una padella capiente insieme all’olio,
  • aggiungere quindi le olive denocciolate,
  • i capperi sciacquati e
  • i pomodori lavati e tagliati a pezzetti.
pitta 2
  • Mettere sul fornello e rosolare mescolando ogni tanto,
  • cuocere fino a farle appassire,
  • coprire d’acqua e portare a cottura fino a farla consumare.
pitta 3
  • Mescolare le patate con i sessanti grammi di olio e ungere una pirofila,
pitta 4
  • coprire il fondo della pirofila con metà della patate,
  • farcire con il composto di cipolle e ricoprire totalmente con le patate restanti,
pitta 5
  • cospargere in superficie con del pan grattato, inumidirlo con acqua e
  • cuocere in forno caldo a 200° per circa trenta minuti o comunque fino a doratura.
  • A cottura ultimata sfornare e
pitta 6
  • far riposare per qualche minuto prima di porzionare.
pitta 7

Ti potrebbero interessare anche altre:

Ilaria Zizza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook