Pitta salentina: la ricetta tradizionale in versione vegan (senza latte e alici)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pitta salentina, la ricetta in versione vegana di un piatto tipico del tacco d’Italia a base di patate e farcita con un ripieno dal gusto mediterraneo di cipolle e olive Leccine (e alici nella ricetta tradizionale). Da proporre come piatto unico o anche fra gli antipasti in piccoli porzioni, può essere servita ancora calda o a temperatura ambiente.

Da preparare con pochi e semplici ingredienti, la ricetta originale prevede l’uso di latte vaccino nell’impasto e di alici nella farcitura. La nostra ricetta invece è preparata in versione vegana, abbiamo infatti sostituito il latte con del buon olio extra vergine d’oliva e abbiamo omesso il pesce.

Ingredienti

  • Tempo Preparazione:
    60 minuti circa
  • Tempo Cottura:
    30 minuti circa
  • Tempo Riposo:
  • Dosi:
    per 4 persone
  • Difficoltà:
    bassa

Come preparare la pitta salentina: procedimento

  • Lavare e sbucciare le patate, tagliarle in quattro pezzi e metterle in una pentola piena d’acqua, regolare di sale, portare a bollore e cuocere fin quando non si infilzeranno facilmente con una forchetta,
  • toglierle quindi dall’acqua, schiacciarle fino a farne una purea e metterle a raffreddare.
pitta 1
  • Nel frattempo sbucciare le cipolle e affettarle e metterle in una padella capiente insieme all’olio,
  • aggiungere quindi le olive denocciolate,
  • i capperi sciacquati e
  • i pomodori lavati e tagliati a pezzetti.
pitta 2
  • Mettere sul fornello e rosolare mescolando ogni tanto,
  • cuocere fino a farle appassire,
  • coprire d’acqua e portare a cottura fino a farla consumare.
pitta 3
  • Mescolare le patate con i sessanti grammi di olio e ungere una pirofila,
pitta 4
  • coprire il fondo della pirofila con metà della patate,
  • farcire con il composto di cipolle e ricoprire totalmente con le patate restanti,
pitta 5
  • cospargere in superficie con del pan grattato, inumidirlo con acqua e
  • cuocere in forno caldo a 200° per circa trenta minuti o comunque fino a doratura.
  • A cottura ultimata sfornare e
pitta 6
  • far riposare per qualche minuto prima di porzionare.
pitta 7

Ti potrebbero interessare anche altre:

Ilaria Zizza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook