(c)123rf.com_nolonely

Liquore ai fiori di finocchietto selvatico: una ricetta fenomenale dal sapore che ti stupirà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come preparare un delizioso liquore con il finocchietto selvatico utilizzando i fiori, i frutti verdi e gli steli della pianta. Il risultato è fenomenale

Il finocchio selvatico (Foeniculum vulgare) è una pianta spontanea della famiglia delle Apiaceae, originario del Mediterraneo, ma è ampiamente naturalizzato in tutta Italia.

Si trova spesso lungo i bordi delle strade o in aree incolte e abbandonate e quando trova l’ambiente a lui congeniale può diventare facilmente una pianta invasiva: se la seminate in giardino preparatevi al fatto che si propagherà un po’ ovunque. 

(c)123rf.com_kerdkanno

È una pianta molto alta, può raggiungere i due metri,  e ha i fiori riuniti in una  ombrella similea quello che producono le piante di all’aneto, coriandolo e cumino.

I fiori di finocchio sono attraggono tanti insetti, e le loro foglie sono graditissime ai bruchi di macaone, quindi se volete seguire lo sviluppo dei bruchi di queste farfalle magnifiche, seminate il finocchietto nel vostro giardino. 

(c)123rf.com_bzh22.j

Il sapore di questa pianta, molto persistente, ha dato origine al termine infinocchiare, senso di “truffare, imbrogliare” che deriva dalla pratica di utilizzare il finocchio come antipasto per ingannare il gusto del cliente nei confronti di un vino di scarsa qualità o di utilizzarne i semi per alterare il gusto del vino imbottigliato. Noi utilizzeremo questo aroma per fare un liquore digestivo e rinfrescante.

Liquore al finocchietto selvatico: la ricetta

liquore finocchietto

liquore finocchietto

Le ricette con il finocchietto selvatico sono tante, ma dopo aver provato con diverse parti della pianta, ho capito che usare le foglie da un sapore troppo forte al liquore, che arriva a essere stomacante. 

La pianta, ma soprattutto i semi di finocchietto sono spesso utilizzati per il loro sapore di liquirizia, che proviene dall’olio essenziale chiamato anetolo e possiede un potere dolcificante 13 volte maggiore rispetto allo zucchero.

 

(c)123rf.com_scis65

Aspetto quindi che la pianta fiorisca e utilizzo le profumatissime ombrelle gialle ed i fusti della pianta, senza foglie. In questo modo il sapore sarà molto delicato e meno stucchevole. Quando i fiori iniziano a trasformarsi in frutti (quelli che comunemente sono chiamati “semi”), aggiungo anche un po’ di semi verdi. Non apprezzo invece il sapore dei semi secchi, che hanno un lieve retrogusto di fieno…  (Leggi anche: È fiorito il Lauroceraso (Prunus laurocerasus): si può fare il liquore con le sue bacche?

Ingredienti

  • 1 l di alcool buongusto a 95 gradi
  • 1 l di acqua
  • 800 g di zucchero
  • 100 g di fiori e steli di finocchietto selvatico senza foglie
  • 50g di semi verdi (potete aggiungerli all’infusione alcolica in un secondo momento)

Preparazione

  1. Aggiungete gli steli all’alcol in un vaso di vetro a chiusura ermetica. Quando saranno pronti i semi, aggiungete anche quelli e dopo una settimana di infusione siete pronti a preparare il liquore.
  2. Preparate lo sciroppo sciogliendo lo zucchero in acqua e portando il tutto ad ebollizione finché lo zucchero non è completamente sciolto. Io lo lascio restringere un po’ in modo che lo sciroppo diventi denso.  Fatelo raffreddare.
  3. Filtrate l’infusione della pianta in alcol e unitela allo sciroppo mescolando bene. 
  4. Fate riposare almeno 40 giorni prima di imbottigliare e consumare come digestivo a fine pasto o come aperitivo allungato con soda o altre bibite e ghiaccio.

Ti consigliamo anche altri liquori con erbe e frutti :

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze Naturali, è specializzata in Botanica ed Etnobotanica ed Alimurgia. È stata per anni docente universitaria e nelle scuole di ogni ordine e grado, ha visitato tutto il mondo possibile e negli ultimi 10 anni ha sviluppato un’attività privata di divulgazione per avvicinare il pubblico al mondo delle piante, tramite corsi ed attività pratiche di erboristeria casalinga e cucina naturale a base di piante spontanee e officinali. Ora ha la sua azienda agricola "Arte Botanica", dove produce liquori, dolci e preparati a base di piante officinali e fiori.
Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook