@italianfoodproduction/123rf

Confettura di fichi d’India: bastano 3 ingredienti per gustare i sapori del Sud tutto l’anno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come preparare in casa la confettura sana e deliziosa di fichi d’India, senza usare lo zucchero bianco

I fichi d’India si caratterizzano per la loro polpa succosa, carnosa e ricca di acqua. Questi frutti dalle mille virtù, che crescono principalmente in Sicilia, Puglia e Calabria, iniziano a maturare verso la fine di luglio, ma il pieno periodo di maturazione è settembre e prosegue anche fino a novembre, quindi può essere gustati anche in autunno.

La loro consistenza si presta molto bene alla realizzazione di una confettura deliziosa, ma soprattutto sana. I fichi d’India sono infatti ricchi di vitamine (soprattutto vitamina C) e minerali, tra cui potassio e magnesio. Prepararla in casa è molto semplice. Bastano solo tre ingredienti per ottenere una conserva molto particolare, da spalmare a colazione sul pane o sulle fette biscottate o da usare per farcire dolci o accompagnare formaggi. 

Ingredienti 

  • 1 kg di fichi d’India maturi
  • 400 gr di zucchero di canna 
  • 1 limone biologico

Preparazione

Per prima cosa sbucciate i fichi d’India con un coltello facendo attenzione alle spine (vi consigliamo di usare dei guanti). Tagliate i frutti a pezzetti e trasferiteli in una pentola. Mettetela sul fuoco, aggiungete un bicchiere d’acqua bicchiere d’acqua e portate a ebollizione fino a quando la polpa non si sarà ammorbidita. Adesso passatela al setaccio in modo da rimuovere i semi. 

Trasferite nuovamente la polpa setacciata nella pentola e riaccendete il fuoco. Mescolate e aggiungete lo zucchero di canna. Fate bollire e aggiungete il succo di limone. Proseguite mescolando e cuocendo fiamma bassa per circa 40 minuti. Quando il composto vi sembra omogeneo e denso, fate raffreddare un paio di muniti e versate la confettura ancora calda nei barattoli di vetro precedentemente sterilizzati. Chiudete ermeticamente, assicurandovi che sia avvenuto il sottovuoto, e conservate in dispensa. La confettura si conserva per circa sei mesi (una volta aperta, però, va consumata nel giro di 3/4 giorni). Così, potrete gustare il sapore del Sud tutto l’anno! 

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Potrebbero interessarti anche queste ricette di marmellate e confetture:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook