Budino alle pesche fatto in casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ecco una bella idea per gustare le pesche in un modo un po’ diverso dal solito. Oltre a preparare in casa frullati, confetture e macedonie, potrete realizzare un buon budino alla frutta tutto naturale e molto gustoso, adatto per la merenda o come dessert, che piacerà molto sia ai grandi che ai bambini.

Ecco tutte le istruzioni per preparare il budino alle pesche fatto in casa.

Ingredienti

  • 6 pesche ben mature
  • 150 ml di latte di mandorle
  • 1 o 2 cucchiai di zucchero di canna (facoltativo)
  • 1 cucchiaio di amido di mais (maizena)
  • 1 cucchiaino di agar agar
  • Pesca, semi di cardamomo, scaglie di cocco o di cioccolato per guarnire

  • Tempo Preparazione:
    15 minuti
  • Tempo Cottura:
    30 minuti
  • Tempo Riposo:
  • Dosi:
    per 4 budini
  • Difficolta:
    bassa

Preparazione

Con gli ingredienti indicati otterrete 4 budini alla pesca utilizzando degli stampini da 90-100 grammi ciascuno. Per iniziare la preparazione dei budini alla pesca fatti in casa, lavate e sbucciate le pesche. Tagliatele a spicchi, privatele del nocciolo e suddividetele in cubetti. Versate le pesche nel frullatore senza aggiungere né acqua né latte di mandorle.

Potrete utilizzare anche un comune frullatore ad immersione, versando le pesche nell’apposito bicchiere graduato. Da 6 pesche di media grandezza (calcolate 450-500 grammi di polpa) otterrete un frullato da circa 350 millilitri.

Ora potrete versare nel bicchiere con il frullato di pesche 150 millilitri di latte di mandorle per raggiungere un totale complessivo di liquido pari a 500 millilitri. Frullate molto bene fino ad ottenere un composto molto liscio ed omogeneo. In sostituzione del latte di mandorle potrete utilizzare qualsiasi altro tipo di latte, a vostra scelta.

Se le pesche sono ben mature o se avete scelto un latte vegetale già dolcificato, non servirà aggiungere zucchero. Se volete, potete preparare il latte di mandorle in casa (qui la ricetta). Assaggiate il frullato ottenuto dalle pesche e dal latte prescelto per valutare il grado di dolcezza che preferite. Potete sostituire lo zucchero di canna con altri dolcificanti naturali in base alle vostre preferenze.

Frullate bene di nuovo il tutto dopo aver aggiunto lo zucchero o altro dolcificante. A questo punto potrete unire l’amido di mais (lo trovate nei supermercati con il nome di “Maizena”) e l’agar agar in polvere (lo potete acquistare nei negozi di prodotti biologici e su internet).

L’amido di mais serve per addensare il budino mentre l’agar agar è necessario per gelificare. L’agar agar infatti è un gelificante di origine vegetale utilizzato nella cucina e pasticceria naturale per sostituire la “colla di pesce”. Dopo aver unito i due ingredienti al composto frullate ancora molto bene in modo che non si formino grumi.

Solitamente per gelificare 500 millilitri di liquido basta 1 cucchiaino di agar agar. In ogni caso controllate bene le istruzioni presenti sulla vostra confezione. Preparate un pentolino, preferibilmente dal fondo spesso, oppure posizionate uno spargifiamma sul fornello. Versate il composto nel pentolino e portate ad ebollizione a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto.

budino alla pesca

Portate a bollore e lasciate sobbollire per circa 3 minuti, fino a quando noterete che il composto inizia ad addensarsi. Il budino si solidificherà raffreddandosi. Suddividete il tutto in quattro stampini. Lasciate riposare a temperatura ambiente per un paio d’ore e poi trasferite i budini in frigorifero ancora per due o tre ore, fino a quando avranno assunto la loro tipica consistenza. Servite i budini alle pesche fatti in casa con semi di cardamomo e fettine di frutta, oppure con scagliette di cocco e cioccolato.

Marta Albè
(Testi e foto)

Per altre ricette di budini guarda anche:

Per altre ricette con le pesche guarda anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook