Razione K-bio: il kit biologico di Alcenero per nutrirsi in modo sano e green

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Orzo e farro perlato, olio extra vergine di oliva, salmone fresco, pomodoro crudo e melone, ma anche miglio, asparagi, pane fatto con il lievito madre e frutta fresca di stagione. Questi gli ingredienti del benessere suggeriti da Alce Nero, che ha ideato una nuova versione – tutta moderna e biologica – della celebre razione K, promossa dal fisiologo americano Ancel Keys nel secolo scorso e successivamente adottata come razione quotidiana di cibo per i soldati in guerra.

Si chiama “Razione K-BIO”, ricca di alimenti sani e gustosi per l’alimentazione giornaliera completa, bilanciata e biologica, e verrà presentata ufficialmente a La Spezia, domani, venerdì 17 giugno, in occasione di “Fari, fanali e sistemi di segnalazione: visita al faro dell’isola del Tino”, durante la “Festa della Marineria, biennale di arte, cultura, tradizioni del mare”.

Un’esperienza culturale notturna realizzata grazie al FAI, il Fondo italiano per l’ambiente, lungo il Golfo della Spezia, con visita al faro monumentale, al sito archeologico e alle fortificazioni.

La Razione K-BIO di Alce Nero è stata ideata per rispondere in modo sano, genuino e biologico al fabbisogno quotidiano di carboidrati, proteine e sostanze nutritive, senza tralasciare l’importanza del piacere del gusto.

All’interno del kit, troviamo infatti un’insalata di orzo e farro perlato (cereali con alto grado di digeribilità, che danno un importante apporto di vitamine A, B, C, E e di sali minerali come potassio, magnesio, calcio, rame, selenio, ferro, fosforo), condita con olio extravergine di oliva e accompagnata salmone fresco marinato (ricco di omega 3, alleati preziosi per la salute cardiovascolare e per la regolazione del colesterolo del sangue), in più c’è pomodoro fresco (fonte di vitamina C e licopene) e melone (ricco di alfa carotene, alleato di salute).

Troviamo inoltre una torta salta di miglio (cerale a basso indice glicemico, dissetante e astringente, fornisce carboidrati a lento assorbimento), asparagi (ricchissimi di asparagina, aminoacido dalle importanti virtù diuretiche e disinfettanti per le vie renali), altre verdure di stagione e un panino di segale con lievito madre, ma anche noci (che rinforzano e proteggono l’attività cardiaca), arachidi (con acido arachidonico, grasso monoinsaturo per eccellenza), mandorle (ricchissime di acido gamma linolenico, per la protezione della circolazione arteriosa e venosa) e con petto di tacchino freddo (che apporta proteine animali con la più bassa percentuale di grassi saturi ed elevato potere nutrizionale) e rucola.

Come spuntini troviamo invece nettare di frutta, una barretta al sesamo e miele (energia subito disponibile del miele e tanto calcio del sesamo) e una “CiokoTè” (tutta l’azione antiossidante del tè verde e il gusto del cioccolato fondente del Costa Rica) della linea equo-solidale di Alce Nero.

Niente male per un kit di sopravvivenza, non è vero?

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook