biologico_compleanno

Era il 22 luglio di vent'anni fa e in Gazzetta Ufficiale veniva pubblicato il Regolamento CEE 2092/91 del Consiglio, del 24 giugno 1991, relativo al metodo di produzione biologico, il primo al mondo che descriveva il metodo, regolava l'etichettatura dei prodotti e le modalità di certificazione di tutto il sistema produttivo.

Il biologico compie quindi 20 anni e lo festeggia con cifre degne di attenzione, che confermano come questo metodo di produzione rappresenti una valida alternativa alle economie moderne e alle coltivazioni intensive che non si curano dei danni ad ambiente e salute: oltre 9 milioni di ettari convertiti al metodo biologico ed oltre 200.000 operatori certificati nel mondo, per un valore di circa 20 miliardi di euro in Europa e più di 3 con oltre 130.00 occupati nella sola Italia.

Per questo è giunto il momento di una riflessione, che restituisca agli operatori del biologico i loro meriti e che li aiuti nel loro impegno quotidiano per la salvaguardia della biodiversità, dell'ambiente e dell'alimentazione corretta. Per questo occorre mettere l'accento su un settore che ormai coinvolge consumatori di ogni tipo, con prodotti che sempre più arrivano sulle nostre tavole attraverso i mercatini, i gruppi d'acquisto o la grande distribuzione e che hanno bisogno di essere correttamente diffusi e promossi, senza allarmismi o false credenze (come quella che il biologico sia più caro: non è assolutamente vero!).

Ma soprattutto occorre rivedere il sistema di certificazione, nato quando il bio era rappresentato da poche piccole realtà, e che ora deve invece adeguarsi ai passi da gigante fatti negli ultimi anni, per riuscire a garantire in maniera univoca e certa la vera qualità e contrastare le importazioni dei paesi extra europei e le contraffazioni alimentari.

Di questo e di molto altro si parlerà, proprio in occasione del 20° compleanno del biologico, al convegno "20 anni di biologico europeo", organizzato dall'AIAB alla Città dell'Altra Economia di Roma e al quale interverranno, tra gli altri, Teresa De Matthaeis, Dirigente Ufficio Saq X - Agricoltura Biologica MIPAAF e Vincenzo Vizioli, presidente FIRAB.

Ma non è tutto. AIAB ha infatti deciso di far spegnere le candeline al biologico un po' in tutta Italia, con appuntamenti in ogni regione. Degustazioni di vini, cene bio, mercatini, incontri: lo stivale si dà appuntamento il 22 luglio per augurare tutti insieme "Buon compleanno, bio!".

Per l'elenco completo degli appuntamenti, clicca qui.

Leggi anche la nostra guida sull'agricoltura biologica.

Eleonora Cresci

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram