Mercati a km 0: a Modena il primo regolamento per tutelare i consumatori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mercati a chilometri zero, arriva da Modena il primo regolamento per garantire trasparenza ai consumatori che scelgono una spesa attenta e consapevole, oltre che per favorire una vera e propria economia di relazione. Il regolamento per i mercati agricoli a chilometri zero è stato approvato dal Consiglio Comunale di Modena lo scorso 18 luglio.

L’approvazione del regolamento ha portato ad un confronto aperto tra i consiglieri, che hanno valutato l’opportunità di realizzare un mercato a chilometri zero in ogni quartiere, in modo da non rendere più indispensabili i punti vendita della grande distribuzione. È nata inoltre una riflessione importante su alcune “etichette”, come “prodotto a chilometri zero”, “biologico” e “filiera corta”. Senza tutele e controlli simili diciture possono trasformarsi in un modo furbo per attirare i consumatori.

Il confronto ha portato alla nascita di un regolamento che possa supportare, tutelando sia i produttori che i consumatori, l’agricoltura biologica, la filiera corta, la trasparenza dei prezzi e i prodotti locali. I mercati a chilometri zero contribuiranno inoltre a diffondere tra i cittadini una maggiore consapevolezza rispetto alla scelta di cibo più sano.

I consiglieri hanno evidenziato l’utilità dei mercati a chilometri zero per tutti coloro che non desiderano o non possono allontanarsi troppo da casa per fare la spesa. Hanno inoltre sottolineato l’aspetto educativo dei mercati a chilometri zero. Soprattutto i consumatori più giovani potranno conoscere, grazie ad essi, i prodotti del territorio e di stagione. Si tratta di conoscenze che al giorno d’oggi non sono affatto scontate.

L’iniziativa promuove lo sviluppo economico locale e l’economia solidale, oltre ad incoraggiare l’agricoltura cittadina. I produttori dovranno fornire agli acquirenti informazioni precise sul prezzo e sulla provenienza realmente a chilometri zero degli alimenti. Vi sarà l’obbligo di ridurre gli imballaggi impiegati per l’eventuale confezionamento delle merci, o di ricorrere ad alternative a basso impatto ambientale. In generale, i mercati a chilometri zero dovranno contribuire alla riduzione degli sprechi.

I mercati a chilometri zero – come dichiarato dall’assessore alle Politiche economiche del Comune di Modena Stefano Prampolini – sviluppano nuove economie, momenti di coesione sociale e educativi, con la creazione di un collegamento tra città e campagna, tra luogo di produzione e di consumo, favorendo un rapporto di relazione diretta tra coloro che coltivano e chi acquista i prodotti agricoli.

Marta Albè

Leggi anche:

5 consigli per mangiare biologico e spendere poco

Agricoltura a Km zero: i vantaggi di fare la spesa dal contadino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook