coldiretti clima

Ridurre le emissioni e salvare il clima anche partendo dalla spesa e da ciò che scegliamo di portare in tavola ogni giorno. A ribadirlo Coldiretti, che, dopo aver preso parte ieri alla Marcia per il Clima e in attesa del Vertice sui cambiamenti climatici di domani a New York, stila un decalogo per una spesa salva ambiente.

Con semplici accorgimenti nella spesa di tutti i giorni e nel consumo degli alimenti, ogni famiglia potrebbe avere il potere di tagliare i consumi di petrolio e di ridurre le emissioni di gas ad effetto serra di oltre mille chilogrammi (CO2 equivalenti) ogni anno.

Ciò significa contribuire con uno stile di vita responsabile e attento all'ambiente, come scegliere prodotti locali e di stagione (pensate che un chilo di ciliegie dal Cile per giungere sulle nostre tavole deve percorrere quasi 12mila chilometri con un consumo di 6,9 chili di petrolio e l'emissione di 21,6 chili di anidride carbonica), ridurre al minimo gli imballaggi, fare acquisti di gruppo, fare la spesa riciclando le buste, ottimizzare il consumo di energia nella conservazione e nella preparazione dei cibi, non sprecare.

La situazione resta pur sempre critica, ma basti pensare che – secondo un'analisi Coldiretti/Ixe' – tre famiglie su quattro (73%) hanno tagliato gli sprechi a tavola, con il 45% che li ha ridotti e il 28% li ha addirittura annullati e un 80% che fa la spesa in modo più oculato.

E allora come dare il nostro contributo per cercare di arrestare il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici? Ecco il decalogo della Coldiretti per spesa salva ambiente:

1. Preferire l'acquisto di prodotti locali che non devono subire lunghi trasporti con mezzi inquinanti

2. scegliere frutta e verdura di stagione che non consumano energia per la conservazione. Potete anche scaricare il nostro calendario con le indicazioni della stagionalità dei vari ortaggi

3. ridurre le intermediazioni fino a fare acquisti direttamente dal produttore, come nei mercati di Campagna Amica della Coldiretti, per evitare passaggi di mano del prodotto che spesso significano inutili trasporti

4. privilegiare i prodotti sfusi che non consumano imballaggi come i distributori automatici di latte

5. acquistare confezioni formato famiglia rispetto a quelle monodose per ridurre il consumo di imballaggi per quantità di cibo consumato

6. fare acquisti di gruppo (anche in condominio) per ridurre i consumi di energia nei trasporti per fare la spesa

7. riutilizzare le borse per la spesa e servirsi di quelle fatte con materiali biodegradabili di origine agricola nazionale o di tela invece di quelle in plastica

8. ottimizzare l'energia consumata nella preparazione e conservazione dei cibi con pentole e frigoriferi a basso impatto

9. ridurre gli sprechi ottimizzando gli acquisti e riscoprendo la cucina degli avanzi per evitare che finiscano tra i rifiuti. Ecco qui la nostra guida su come riciclare gli avanzi

10. fare la raccolta differenziata per consentire il recupero di energia dai rifiuti prodotti.

Germana Carillo

LEGGI anche:

I 12 modi per ridurre le emissioni a tavola

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram