Risotto variegato alle verdure di stagione

Il risotto è un piatto tipico della cucina italiana sicuramente a km 0, soprattutto per chi vive vicino alle zone di coltivazione (Pianura Padana in primis e qualche cultura residuale in Toscana, in Calabria ed in Sardegna). Lo si può comprare oltre che nei negozi, anche presso una delle tante cascine produttrici, che spesso producono un ottimo Carnaroli dal chicco lungo e tornito, il più pregiato, oppure i classici Baldo, Arborio e Roma, e ultimo ma non da meno, il Vialone Nano, piccolo ma perfetto per la tenuta in cottura.

Nella concezione più tradizionale, per risotto si intende un piatto a base di riso e altri ingredienti che cuociano esclusivamente per il tempo di cottura del seme bianco, ossia dai 16 ai 18 minuti, pertanto perfettamente adatto ad una preparazione veloce. La preparazione con il chicco integrale richiede tempi più lunghi, intorno ai 40 minuti, che possono essere dimezzati con l’utilizzo della pentola a pressione.

Il risotto, inoltre, si presta con orgoglio alla cucina con gli avanzi. Se vi sono rimasti una carota, un pezzo di peperone, qualche bacello di piselli o di fave, una zucchina e due asparagi ed un paio di bicchieri di riso, la soluzione ideale per una cena gustosa, ma anche per una occasione speciale, è il Variegato alle Verdure di Stagione.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 240 g di Riso Carnaroli, Baldo, Arborio, Roma o Vialone Nano
  • 1 cipolla piccola
  • Verdure di stagione: taccole, fagiolini, bacelli di piselli o fave, asparagi, zucchine, una carota, un quarto di peperone.
  • Piante aromatiche: una a scelta tra le classiche salvia, basilico o prezzemolo
  • 1 litro di acqua calda oppure di brodo vegetale
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 bicchiere di vino bianco o di birra
  • Sale e pepe
  • Olio extravergine da olive italiane

Costo Ricetta 3 €

PREPARAZIONE:

Iniziate facendo appassire in una casseruola capiente la cipolla affettata con un cucchiaio d’olio. Aggiungete le verdure tagliate a cubetti e fate rosolare qualche minuto a fuoco vivo in modo da rendere croccante la dadolata. Tostate il riso direttamente nella casseruola con le verdure e versate un bicchiere di vino bianco o di birra.

Quando l’alcol sarà evaporato aggiungete gradualmente l’acqua calda fino al grado di cottura desiderato, avendo cura di mescolare di tanto in tanto e di salare la preparazione. Lo zafferano deve essere messo poco prima di fine cottura, stemperato in poca acqua calda, direttamente in pentola, di modo da non disperdere il prezioso oro giallo.

Fate mantecare il risotto a fornello spento con un cucchiaio di olio, una macinata di pepe fresco ed un trito di piante aromatiche a piacere, coprendo la casseruola con il suo coperchio per qualche minuto. Sollevate e… un inteso ed allegro aroma si diffonderà in cucina e vi solleverà l’umore al pensiero che in così poco tempo siete riusciti a preparare un piatto vegetariano, colorato, semplice, saziante e sostenibile.

Foto e testi: Elena Argano

Leggi tutte le nostre ricette SSS

Leggi tutte le nostre ricette vegan

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

tuvali
seguici su Facebook