5 modi per conservare meglio frutta e verdura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con il clima caldo arriva anche la voglia di comprare frutta e verdura fresca e di stagione. Ma se non potete fare la spesa tutti i giorni e non volete ritrovarvi alla fine della settimana con pomodori ammuffiti e verdure appassite, non rinunciate ai benefici di una dieta mediterranea per così poco.

Esistono un bel po’ di escamotages per aiutarvi a conservare la freschezza a portata di mano, anzi a portata di piatto!!

1) Un bel bagno caldo per conservare i frutti di bosco non poteva certo mancare. Ebbene sì, buffo a dirsi ma la termoterapia giova anche alle nostre fragole o more o lamponi … Il processo consiste semplicemente nell’immergere la frutta nel suo cestino di plastica (o in cun contenitore) in una pentola con dell’acqua calda. La temperatura uccide le muffe e riesce a conservare la freschezza più a lungo. Bastano solo 30 secondi a 125 gradi e i vostri mirtilli sembreranno appena raccolti!

2-Che tristezza vedere quei bei pomodori succosi finire nei nostri compost ormai marci e pieni di muffa… In questo caso però, sfatando i falsi miti, il frigorifero non ci viene in aiuto. Strano ma vero: con le fredde temperature i nostri saporiti pomodori perdono aroma, sapore e molti enzimi senza i quali sviluppano più facilmente muffe interne. Meglio riporli in una busta di carta o farli respirare a temperatura ambiente. Infine è sempre meglio toccarli il meno possibile per non correre il rischio di ammaccarli.

3-Come prolungare la vita della lattuga o della cicoria? Per conservare bene tutte le verdure a foglia verde è sufficiente avvolgerle in un tovagliolo di carta in modo da assorbirne l’umidità. E se cominciano un po’ ad appassire, una volta riposti in frigo, risvegliatele con un bagno ghiacciato! Vale anche per le piante aromatiche. Prima di lavarle eliminate sempre le prime foglie che di solito tendono più facilmente a decomporsi.

4-Peperoni, fagiolini, broccoli, cavoli, sedano, cetrioli, cipolle, melanzane, funghi ecc. si possono congelare facilmente e riutilizzarli per l’occasione senza troppi problemi. Unico accorgimento, sbollentarli prima, raffreddarli e poi concederli alle temperature sotto lo zero. Ottima idea anche per arricchire il nostro minestrone di qualche ingrediente mancante!

5- Le banane in frigorifero si conservano più a lungo. La causa della loro maturazione deriva dalla produzione di un gas: l’etilene. Se volete accelerarne la maturazione potete conservarla vicino una banana più matura o ad una mela. Ma quando vedete la buccia fina e piena di macchioline marroni è giunta proprio l’ora di mangiarla o di usarla per una bella macedonia.

Con questi buoni consigli potrete seguire correttamente una buona conservazione domestica degli alimenti e, non meno importante, vi aiuteranno anche a beneficiare di tutti i vantaggi di una sana dieta mediterranea! Poi se volete cimentarvi in qualcosa di più studiato e parsimonioso, leggete qui

Michela Silvestri

Leggi anche:

Come costruire una cantina sotterranea fai-da-te per conservare frutta e verdura

Guida alla pulizia e alla conservazione fai-da-te dei cibi

Come conservare i cibi senza frigorifero sfruttando il…design!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook