nataleAvanzi

Ci siamo quasi, tra pochissimi giorni è Natale e siamo pronti per le grandi abbuffate. Si sa, tra cibi e bevande, il popolo italico non bada a spese e anche Coldiretti prevede un budget abbastanza corposo che le famiglie italiane destineranno alle feste di fine anno, con una spesa complessiva per imbandire le tavole del Natale e del Capodanno di 4,3 miliardi di euro. 

Insomma, che lo vogliate o no, l’Italia rimane ferma al principio del farsi satolli ad ogni costo, tanto che nella gara enogastronomica faranno sparire quasi cento milioni di chili tra pandori e panettoni, cinquanta milioni di bottiglie di spumante, ventimila tonnellate di pasta, 6,5 milioni di chili tra cotechini e zamponi, 800 mila capponi, 500 mila tacchinelle e 500 mila faraone lesse, farcite o cotte in forno, in gelatina o in rolle' ma anche frutta secca, pane, carne, salumi, formaggi e dolci.

Bene, e dove la mettiamo tutta questa roba qui? Beh, quello che è certo è che molta, troppa, andrà a finire direttamente nella spazzatura. Eppure, e ormai lo sappiamo bene, una buona parte degli avanzi e degli scarti è costituito da cibi ancora commestibili, che possono essere riutilizzati se solo abbiamo un po’ di fantasia e di buona volontà.

Con gli avanzi è possibile preparare un menù completo, evitando di produrre sprechi e il Consorzio Italiano Compostatori (CIC) ci fornisce alcuni consigli per un Natale virtuoso e sostenibile.

APERITIVO: CROSTINI SOSTENIBILI ALLE VERDURE


Gli scarti delle verdure possono essere utilizzati per ottenere delle salse per crostini. Mentre preparate i vostri piatti per la Vigilia o il Natale, mettete da parte i ciuffi verdi delle carote e dei finocchi. Se li lavate e li frullate con un filo d’olio, otterrete una crema spalmabile da aggiustare poi di sale e pepe e servire sui crostini come aperitivo. Anche i crostini possono essere “riciclati”: basterà tagliare a fette il pane avanzato e tostarlo in padella o al forno per qualche minuto.

Patata

LEGGI anche: Come riutilizzare gli scarti delle verdure in cucina e nell'orto

PRIMO PIATTO: PASTA DI RINFORZO AL PESCE E VERDURE

Pesci come cernia e gallinella cucinati il giorno prima in guazzetto possono essere riutilizzati per un ottimo primo piatto. Basterà unire gli avanzi del pesce a pomodorini freschi e verdure dolci come bieta e spinaci, per avere il sugo perfetto per una buona pasta.

LEGGI anche: Ricette con gli avanzi: tortino da riciclo con pesce e patate

SECONDO PIATTO: ECOPOLPETTONE

Il polpettone è il piatto anti-spreco per eccellenza. Se alla base del piatto vi è il pane, qualunque avanzo si abbia poi nel frigo va bene: dagli affettati, ai funghi al formaggio. Date la forma che desiderate al vostro composto e cucinatelo in forno.

LEGGI anche: Polpettone di patate e ceci: il finto pesce veg

CONTORNO: HOME-MADE CHIPS CROCCANTI

Bucce di carote e patate possono diventare delle ottime chips croccanti da fare in casa! Dopo averle lavate, basterà disporle in padella con un filo d’olio, oppure in una teglia da forno, e cuocerle per qualche minuto fino a quando non saranno croccanti.

LEGGI anche: 25 usi alternativi per le bucce di frutta e verdura 

FRUTTA: LA MACEDONIA!

La frutta più matura o un poco ammaccata può risultare poco bella da presentare in tavola durante le feste, per cui vi basterà trasformarla in una macedonia.

DOLCE: BIOCARAMELLE DI SCORZETTE DI AGRUMI E CIOCCOLATO

Sfiziosi e natalizi, i dolcetti da servire in tavola a base di scorze d’arancia sono davvero semplici da preparare e permettono di recuperare una parte del frutto che invece andrebbe buttata. Basterà avere a disposizione 100 grammi di scorze di arancia e 100 grammi di zucchero e cioccolato a piacimento. Lavate e tagliate le scorze di arancia in modo da ottenere listarelle lunghe e sottili. Caramellatele in un pentolino con acqua e zucchero, e lasciatele asciugare per un paio di giorni su un foglio di carta da forno. Per renderle più golose, sciogliete il cioccolato a bagnomaria e intingete le scorzette di arancia per metà, asciatele raffreddare e servitele agli ospiti.

LEGGI anche: Scorze d’arancia candite: come farle in casa

Al di là di tutto, ricordatevi in ogni caso 3 regole fondamentali:

1. IL COMPOST! Ricordate che gli scarti degli alimenti che non possono essere riutilizzati in cucina vanno conferiti nella raccolta differenziata dello scarto umido, che verrà inviato agli impianti di compostaggio e trasformato in biogas (un combustibile rinnovabile) e compost, un ottimo fertilizzante organico impiegato in agricoltura e nel florovivasimo.

2. Una volta finito un pasto, preparate dei pacchettini con alcune piccole porzioni di ciò che non è stato consumato e "regalatele" ad ogni invitato prima che lasci la vostra casa.

3. Ricordate che i cibi, una volta cucinati, se ben coperti e conservati in frigo, possono durare anche 3-4 giorni dal momento in cui li avete acquistati.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Come riciclare gli avanzi: la guida per non buttare più il cibo nella spazzatura 

Sprechi alimentari: ricette per riciclare gli avanzi delle feste

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram